Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1108
PALERMO - 17/10/2013
Sicilia - Giovanni Tomasello ha deciso di lasciare a 57 anni

Segretario Ars in pensione con 13mila 500 euro al mese!

Insorge il parlamentare Marco Forzese

A Palermo si parla di spending review e di tagli ai costi della macchina burocratica ma alla luce di quanto avviene nella prassi si tratta solo di amene discussioni. Il parlamentare Marco Forzese (Drs) ha riferito infatti che il segretario dell´Assemblea regionale siciliana, Giovanni Tomasello ha deciso di andare in pensione a 57 anni per cui riceverà un Tfr da un milione e mezzo di euro e un assegno mensile netto di 13.500 euro. Il Consiglio di presidenza ha preso atto della decisione di Tomasello che lascerà l´incarico il primo novembre, nominando all´unanimità al suo posto Sebastiano Di Bella, 60 anni, alto burocrate sempre all´Ars, che a sua volta riceverà mezzo milione di euro di stipendio l´anno e, quando deciderà di andare in pensione, lo stesso trattamento pensionistico del suo predecessore.

"In un solo giorno Ardizzone aumenta le spese dell´Ars per 2 milioni di euro - dice Forzese - mandando in pensione a 57 anni un segretario generale eccellente come Giovanni Tomasello, senza obiettare su quella che è una scelta ´per motivi familiari´ e aggrava così di ben 500 mila euro l´anno il fondo pensioni dell´Ars". "Per non parlare del milione e mezzo di euro di liquidazione legittima che l´Ars dovrà sostenere come spesa subito", aggiunge il deputato. "In tutto ciò Ardizzone propone e assume il suo capo di gabinetto come segretario generale che - sostiene Forzese - come è noto, ha un compenso di mezzo milione di euro. Alla faccia della tanto blaterata spending review".


basta!
18/10/2013 | 8.50.08
gd4

non se ne può più: ormai è inevitabile che i tagli agli sperperi ed ai privilegi si dovranno fare nelle piazze con le ghigliottine...