Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 722
PALERMO - 30/04/2013
Sicilia - Per la viabilità aeroporto 30 milioni, altri 4 milioni e mezzo per i servizi assistenza volo

Per Ibla e aeroporto Comiso arrivano i soldi

Decisiva la concertazione tra tutti i parlamentari della provincia Foto Corrierediragusa.it

Il bilancio regionale porta due buone notizie per la provincia. La prima riguarda direttamente il capoluogo ed è il rifinanziamento della legge speciale su Ibla (foto) che avrà, anzi, una dotazione di un milione di euro in più rispetto allo scorso anno. Il finanziamento della legge 61 del 1981 è stato infatti fissato in cinque milioni di euro ed è praticamente la stessa cifra del 2010. Negli anni successivi infatti la disponibilità economica era diminuita prima di 250 mila euro e lo scorso anno di 750 mila euro per un totale di quattro milioni. Grazie all’azione sinergica dei parlamentari iblei all’Assemblea regionale e ad alcuni emendamenti concordati con altri parlamentari è stato possibile raggiungere un risultato che Nello Dipasquale, definisce importante.

Decisamente più importante, almeno in termini finanziari, l´impegno a carico del bilancio regionale per le opere infrastrutturali che riguardano l´aeroporto di Comiso ed i costi di gestione. L´assessore Bartolotta, infatti, ha confermato l´impegno di 30 milioni per il miglioramento della viabilità al servizio dello scalo comisano. Un altro passo in avanti perchè l´aeroporto sia pienamente e funzionalmente agibile anche se bisognerà subito pensare ai progetti.

Inoltre nel bilancio regionale è stato previsto che siano garantiti altri due anni per i costi relativi ai servizi di assistenza al volo, così come recita un emendamento di Giorgio Assenza (Pdl). Si tratta di quattro milioni e mezzo che vanno ad aggiungersi alla stessa somma prevista per i primi due anni di operatività dello scalo per cui gli anni coperti saranno ben quattro. Un arco di tempo che servirà a potere programmare e strutturare lo scalo comisano sul mercato.