Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 816
PALERMO - 28/02/2013
Sicilia - La sentenza della Corte dei conti riguarda in totale 12 soggetti

Pure Leontini e Granata devono risarcire

La vicenda riguarda il potenziamento (ritenuto "arbitrario") del servizio di emergenza 118, all’epoca gestito dalla Sise (società interamente partecipata dalla Cri)
Foto CorrierediRagusa.it

C´è pure l´ex assessore regionale ispicese Innocenzo Leontini (foto) tra i componenti della giunta dell´allora presidente della Regione Totò Cuffaro condannati dalla sezione d´appello della Corte dei conti per la Sicilia al pagamento di quasi 12 milioni e mezzo di euro (il danno erariale in primo grado era era stato quantificato in oltre 37 milioni). La condanna interessa pure l´attuale vice presidente della commissione nazionale antimafia Fabio Granata. I giudici d´appello hanno parzialmente accolto il ricorso della Procura regionale contro l´assoluzione dei componenti dell´esecutivo tra il 2006 e il 2008 e dei membri della commissione sanità dell´Assemblea siciliana, sempre nello stesso periodo.

La vicenda riguarda il potenziamento (ritenuto "arbitrario") del servizio di emergenza 118, all´epoca gestito dalla Sise (società interamente partecipata dalla Cri). In prossimità delle elezioni regionali del 2006, "senza alcuna preventiva verifica di utilità - scrivono i giudici - ed economicità, e nonostante il legislatore avesse previsto la non prorogabilità della convenzione oltre il 2005", la giunta e alcuni parlamentare facenti parte della commissione Sanità, decisero il potenziamento del numero delle ambulanze, quasi raddoppiandolo (da 167 a 280) e la diminuzione, da 36 a 30, del monte ore settimanale del personale già in servizio, consentendo l´assunzione diretta di circa tremila persone individuate nel bacino del precariato (precari della Sise e corsisti dell´ente di formazione Ciapi, di recente al centro di un´indagine della Guardia di finanza anche per il resto di finanziamento illecito ai partiti).

L´ELENCO DEI CONDANNATI
Salvatore Cuffaro (729.877,88 euro)
Innocenzo Leontini (598.612,38)
Carmelo Lo Monte (598.612,38)
Antonio D´Aquino (729.877,88)
Francesco Scoma (729.877,88)
Francesco Cascio (729.877,88)
Fabio Granata (598.612,38)
Michele Cimino (598.612,38)
Mario Parlavecchio (729.877,88)
Giovanni Pistorio (729.877,88)
Santi Formica (729.877,88)
Antonino Dina (729.877,88)
Giuseppe Basile (729.877,88)
David Costa (729.877,88)
Giuseppe Arcidiacono (729.877,88)
Giancarlo Confalone (729.877,88)
Angelo Moschetto (729.877,88)


TANASI (CODACONS): QUESTI SOLDI SIANO RESTITUITI AI CITTADINI SICILIANI
Dopo la sentenza della sezione siciliana della Corte dei Conti, che ha condannato 12 componenti della giunta Cuffaro a rimborsare 12,4 milioni di euro per danno erariale, il Codacons chiede ora che questi soldi siano restituiti ai cittadini siciliani.

«Ancora una volta è stato dimostrato come in Sicilia i soldi pubblici vengano gestiti con sprezzo delle regole e del semplice buonsenso – afferma il Segretario Nazionale, Francesco Tanasi – Mentre infatti gli ospedali siciliani sono al collasso e il servizio sanitario appare sempre più scadente, c’è chi ha pensato di raddoppiare le ambulanze e diminuire le ore di lavoro del personale di servizio, dando vita ad assunzioni inutili e costose, pagate dalla collettività».

«Appare chiaro come questi soldi debbano ora essere restituiti direttamente ai cittadini siciliani, attraverso una riduzione delle tasse o mediante un potenziamento dei servizi in quei settori, come la sanità o i trasporti, che vedono la regione assai indietro rispetto alle altre realtà italiane» – conclude Tanasi.

Nella foto da sx Innocenzo Leontini e Fabio Granata


03/11/2014 | 10.04.10
theorius

ah! ecco ci risiamo...le solite facce, la solita solfa....ma così tanto PER NON DIMENTICARE...

http://www.corrierediragusa.it/articoli/cronachepercento20regionali/palermo/21301-pure-leontini-e-granata-tra-i-condannati-della-ex-giunta-cuffaro-a-maxi-risarcimento-di-12-milioni.html