Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1601
PALERMO - 20/02/2013
Sicilia - Soddisfazione è stata espressa dal deputato regionale ibleo

Giustizia: Dipasquale contro riduzione organici Sicilia

"Un atto dovuto - ha detto Dipasquale - per fare fatti e non parole in una stagione difficile di lotta al crimine ed alle mafie"

Soddisfazione è stata espressa dal deputato regionale Nello Dipasquale per la mozione contro la proposta di rideterminazione delle piante organiche degli Uffici Giudiziari, di cui è primo firmatario insieme ai deputati Di Giacinto, Coltraro, Malafarina e Oddo. "Un atto dovuto - ha detto - per fare fatti e non parole in una stagione difficile di lotta al crimine ed alle mafie". Nella mozione si ricorda "la soppressione dei posti in organico e la relativa destinazione a territori diversi da quelli degli uffici accorpanti, con grave nocumento per la regione Siciliana, che subirà, conseguentemente, una notevole riduzione del numero dei magistrati in servizio nelle rispettive Procure e Tribunali nonostante la specificità del territorio".

Viene rilevato inoltre come siano "non condivisibili i ridimensionamenti relativi agli uffici più impegnati nel contrasto a cosa nostra e alle altre organizzazioni criminali di stampo mafioso .Ed ancora le riduzioni previste per gli uffici giudiziari di Caltanissetta (6 unità in Tribunale, 2 in Procura) proprio nella stagione delle investigazioni per l´attentato dell´ Addaura, per le stragi di Capaci e di via Mariano D´Amelio". La mozione si conclude con l´impegno a fare propria la delibera della Giunta regionale finalizzata a formulare al Ministro della Giustizia la richiesta di apertura di un tavolo programmatico-istituzionale per risolvere la problematica relativa alla riduzione del numero dei magistrati e a farsi promotore nei confronti del Governo nazionale di ogni iniziativa finalizzata al ritiro della proposta di rideterminazione delle piante organiche degli uffici giudiziari".