Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1557
PALERMO - 06/02/2013
Sicilia - Pippo Di Giacomo: "Ci sono state gravissime omissioni nel procedimento"

Muos: l´autorizzazione ai lavori sarà revocata

Questop l’impegno del presidente della regione e dell’assessore all’Ambiente, Mariella Lo Bello Foto Corrierediragusa.it

Crocetta va alla guerra con l’America. Il presidente della Regione revocherà con effetto retroattivo l’autorizzazione per la realizzazione della stazione radar Muos di Niscemi.

Sulla stessa posizione del presidente anche l’assessore all’Ambiente, Mariella Lo Bello, che dice: «Dalla richiesta di sospensione dei lavori già avanzata al governo americano, sono passati trenta giorni e non abbiamo avuto alcuna risposta. A questo punto c’è la revoca dell’autorizzazione».

A Palermo si è tenuta una grande manifestazione con famiglie, giovani, politici e parlamentari per protestare contro i lavori che serviranno ad installare le 46 antenne della stazione radar con la quale il governo degli Stati Uniti gestirà dal 2014 tutte le comunicazioni dell´intelligence in ogni parte del mondo.

Giuseppe Digiacomo, Pd, presidente della commissione Sanità, ha sollevato anche il problema delle interferenze con l´aeroporto di Comiso ed insiste: "Ci sono state gravissime omissioni. L´Arpa ci ha detto che non aveva neanche gli strumenti per misurare le emissioni, ed è chiaro che le autorizzazioni concesse sono illegittime. E poi è scioccante che, dopo un investimento di oltre 40 milioni di euro per costruire l´aeroporto di Comiso, non sia stata data alcuna rassicurazione sul rischio di interferenze tra il Muos e la strumentazione dell´aviazione civile".