Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 538
PALERMO - 03/10/2012
Sicilia - Sondaggio di Demopolis, previsti due milioni di elettori che si asterranno dal voto

Regione, Musumeci e Crocetta alla pari nei sondaggi

L’analisi di Demopolis rivela, fra l’altro, un livello di fedeltà sempre più basso alle scelte compiute nella precedente tornata elettorale: una variabile che rende la competizione di fine ottobre densa di incognite per l’intera classe politica regionale Foto Corrierediragusa.it

E’ testa a testa tra Nello Musumeci, 29 per cento, e Rosario Crocetta, 28,5 per cento (da dx nella foto) ma chi vince, almeno al momento è il partito degli astensionisti. Sono due milioni, oltre il 40 per cento in tutta l’isola. E’ una dimensione che non si era mai registrata prima d’ora e sulla quale pesano la disaffezione, gli ultimi scandali, il mancato , on son sufficiente rinnovamento dei candidati. Il nuovo presidente della Regione potrebbe essere eletto con meno di 900mila voti.

"Ci si reca alle urne - afferma il direttore dell´Istituto Demopolis Pietro Vento - in un contesto caratterizzato da una gravissima crisi economica ed occupazionale, con una percezione di progressivo impoverimento delle famiglie ed un´insicurezza, sempre più diffusa, che attraversa indistintamente ogni strato sociale. In questo clima, gli scandali delle ultime settimane, a partire dal caso della Regione Lazio, hanno ulteriormente eroso la residua fiducia dell´opinione pubblica nei partiti, con un crollo al 4% odierno registrato dal Barometro Politico Demopolis".

L´analisi di Demopolis rivela, fra l´altro, un livello di fedeltà sempre più basso alle scelte compiute nella precedente tornata elettorale: una variabile che rende la competizione di fine ottobre densa di incognite per l´intera classe politica regionale. In relazione alle intenzioni di voto per i partiti, il quadro politico sembra caratterizzato da uno scenario di grande frammentazione: nessuna lista - secondo i dati di Demopolis - andrebbe oltre il 18% nei consensi.

Al momento dunque è una gara a due tra Nello Musumeci e Rosario Crocetta, entrambi in vantaggio su Gianfranco Miccichè (22 per cento). Più distanti, sotto il 10%, si collocherebbero oggi Giancarlo Cancelleri e Giovanna Marano, che pagherebbe un certo momentaneo disorientamento dell’elettorato di Sinistra dopo il passo indietro di Fava. Probabilmente penalizzati da una minore visibilità mediatica, si attesterebbero sotto il 2% gli altri candidati, il cui peso potrebbe comunque crescere.

Secondo i ricercatori dell’Istituto Demopolis, si tratta di dati destinati a mutare durante una campagna elettorale che si preannuncia molto dura: il numero di indecisi mantiene altissimi i bacini di voto potenziali dei principali competitor: dal 38% di Musumeci al 37% di Crocetta, sino al 30% di Miccichè, al 16% del candidato del Movimento 5 Stelle. Appare ad esempio impossibile determinare gli effetti della presenza di Grillo in Sicilia nell’ultima settimana di campagna elettorale.


05/10/2012 | 12.02.37
salvo

La coalizione ultima in classifica per la vittoria elettorale sarà quella più votata. Cari politici tutti solo quando saranno azzerati tutti i benefici della casta e prenderete 10.000 euro al mese pagandovi tutte le trasferte voi, non chiedendo rimborsi e facendo in modo che NESSUNO dei lavoratori italiani (siano essi onorevoli, direttori di enti ecc.) superi questo tetto... sarete CREDIBILI e AFFIDABILI. Fino a questo momento non affidei a nessuno di questi candidati neanche fido, il mio cane.


astensionismo
04/10/2012 | 11.57.53
pozzallese

due milioni di astensionisti sono per la politica una grossa sconfitta, anche se io credo e spero che il numero cresca.