Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 945
PALERMO - 28/06/2012
Sicilia - Nel Pdl ci saranno le primarie per il candidato alla Presidenza della Regione

Sfiducia anti Lombardo il 20 luglio, c´è anche il Pdl

Sarà discussa in aula la mozione concordata tra Udc, Pd e Pdl. Tra i candidati alla Presidenza c’è Innocenzo Leontini

Tutti d’accordo. La sfiducia a Lombardo andrà in aula il 20 di luglio. Dopo Pd ed Udc anche il Pdl ha detto sì alla mozione di sfiducia anti Lombardo ed i tre segretari dei partiti Giuseppe Lupo, Giampiero D’Alia e Giuseppe Castiglione hanno deciso di calendarizzare la discussione della mozione. La data concordata è quella del 20 luglio per giocare di anticipo sulle dimissioni di Raffaele Lombardo che ha già annunciato che si dimetterà entro la fine di Luglio.

Il presidente dell’Ars Francesco Cascio convocherà la conferenza dei capigruppo che concorderà il testo da portare in aula. Sarà naturalmente una sintesi tra le istanze dei tre partiti. Il segretario Pdl Giuseppe Castiglione dice: "Ne faremo una che sia una via di mezzo tra chi, come il Pd, ha condiviso fino all´ultimo lo spirito riformatore del governo Lombardo e chi lo ha sempre ritenuto dannoso per la Sicilia la nostra idea è chiudere questa esperienza di governo. Da tempo ormai riteniamo che abbia fallito sia l´obiettivo di dare stabilità che quello di riportare lo sviluppo in Sicilia". Raffaele Lombardo da parte sua ha fatto spallucce e non si preoccupa più di tanto limitandosi a dire: «La mozione sarebbe un atto di sadismo politico».

Nel Pdl è intanto scattata la corsa al dopo Lombardo. Nel partito cresce la voglia di primarie ed Angelino Alfano è stato chiamato a svolgere il ruolo di super partes per organizzare la competizione interna entro la fine di luglio. Sono almeno cinque i pretendenti alla presidenza della Regione. Si tratta di Nello Musumeci per l’ala ex An, l’attuale presidente dell’Ars Francesco Cascio, il segretario Giuseppe Castiglione, il indaco di Catania Raffaele Stancanelli ed il capogruppo Innocenzo Leontini.