Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1416
PALERMO - 25/09/2011
Sicilia - E’ stato scoperto e arrestato in Sardegna

Siciliano con 100 chili di droga nel camion

Un agricoltore di Terme Vigliatore aveva nascosto hashish e cocaina sotto 100 piantine di ulivo

La sezione antidroga della Squadra Mobile della Questura di Cagliari ha sequestrato 100 chilogrammi di hascish e più di mezzo chilo di cocaina trasportati nascosti in un camion di un agricoltore siciliano sotto 100 piantine di ulivo. Santino Cattafi, di 44 anni, di Terme Vigliatore, in provincia di Messina è stato arrestato con l´accusa di trasporto e detenzione di stupefacenti a scopo di spaccio.

Secondo la ricostruzione fornita dal dirigente della Mobile, Leopoldo Testa, Cattafi sarebbe arrivato in Sardegna dopo un viaggio attraverso la Penisola, imbarco a Piombino e arrivo a Golfo Aranci. Dall´esame dell´apparato che registra velocità e percorsi dei veicoli destinati al trasporto merci gli investigatori hanno tratto la certezza che l´imprenditore agricolo è arrivato direttamente a Cagliari senza nessuna sosta durante il percorso nell´Isola.

Arrivato nel capoluogo sardo Cattafi è stato notato mentre effettuava un percorso nei quartieri di San Michele e Is Mirrionis da una pattuglia dell´antidroga. Gli agenti lo hanno seguito fino a quando si è fermato in una strada sterrata come in attesa di qualcuno.

Sono scattati i controlli e dopo un primo tentativo di spiegare la propria presenza in quel posto con la necessità di consegnare 100 piante di ulivo il corriere avrebbe ammesso di trasportare 100 chilogrammi di hascisc. Solo un´accurata perquisizione del mezzo ha, però, permesso di trovare più di mezzo chilo di cocaina nascosto in un´intercapedine. Le indagini continuano ora per individuare i destinatari del carico, il primo, secondo gli investigatori, che arriva dopo tanti anni dalla Sicilia.