Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 1027
PALERMO - 29/06/2011
Sicilia - Praticamente un terzo dell’Ars iscritto nel registro della magistratura

Clamoroso all´Ars: indagati 27 deputati su 90

Tra loro anche il presidente della Regione Lombardo. Corruzione, concussione e peculato sono solo alcuni capi d’accusa

Con l´arresto di Cateno De Luca sono complessivamente 27 su 90 i parlamentari regionali siciliani che sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla magistratura per una serie di reati che vanno dalla corruzione e concussione al peculato, dalla truffa all´abuso d´ufficio e falso.

Tra di loro anche il governatore Raffaele Lombardo, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa: lo stralcio della sua posizione da parte della procura sarebbe però propedeutica alla richiesta di archiviazione. Nella quindicesima legislatura gli ordini di custodia cautelare hanno raggiunto finora quattro deputati.

Oltre a De Luca sono finiti in manette: il deputato del Pid Fausto Fagone, arrestato per concorso esterno, nell´ambito dell´inchiesta catanese "Iblis"; Gaspare Vitrano del Pd, accusato di avere intascato una tangente da un imprenditore del settore fotovoltaico e che ieri è stato rimesso in libertà anche se nei suoi confronti i giudici hanno disposto la misura del divieto di soggiorno in Sicilia.

Ai domiciliari è finito anche il deputato ragusano del Mpa Riccardo Minardo per una truffa ai danni dello Stato e dell´Unione europea. Tra gli indagati c´è Franco Mineo, il deputato di Forza del Sud ritenuto prestanome dei boss del quartiere palermitano dell´ Acquasanta, sul quale pende una richiesta di processo per intestazione fittizia di beni, usura, concussione e peculato.

Nei giorni scorsi l´Ars ha salvato con il voto d´aula lo scranno di Santo Catalano, il deputato del Pid che aveva patteggiato una condanna per falso e abuso d´ufficio nell´ambito di una vicenda di abuso edilizio. Con voto a scrutinio segreto e trasversale, è stata respinta la richiesta della commissione verifica poteri che aveva deliberato la decadenza del politico per "incandidabilità originaria". (Lasiciliaweb)