Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 837
PALERMO - 22/01/2011
Sicilia - Palermo: la decisione della Cassazione

La preghiera non ha salvato Cuffaro dalla condanna

Totò Cuffaro ha voluto anticipare la trasmissione della sentenza alla Corte di Appello di Palermo che dovrà emettere l’ordine di carcerazione Foto Corrierediragusa.it

Prima ha pregato per tutta la mattinata nella chiesa della Minerva, poi è passato da casa a salutare amici e familiari e dopo si è costituito al carcere di Rebibbia. Totò Cuffaro (nella foto) ha trascorso così la giornata in cui i giudici della seconda sezione penale della Suprema Corte di Cassazione ha confermato la condanna a sette anni di reclusione per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e violazione del segreto istruttorio nell´ambito del processo "Talpe alla Dda". Cuffaro, eletto al Senato con l’Udc è poi passato ai Popolari Italia Domani che sostengono il governo.

Totò Cuffaro ha voluto anticipare la trasmissione della sentenza alla Corte di Appello di Palermo che dovrà emettere l’ordine di carcerazione. Il documento sarà poi trasmesso al Senato che dovrà esprimersi sulla decadenza del parlamentare Pid.

"La magistratura – ha detto l’ex presidente della Regione prima di salire in auto per andare a Rebibbia - è un´Istituzione e la rispetto, anche in questo momento. Tutto questo ha aumentato in me la fiducia nella Giustizia e la mia fede. Ho saputo resistere, in questi anni difficili, grazie soprattutto alla fede e alla protezione della Madonna. Adesso affronterò la pena come è giusto che sia per un uomo che ha servito le Istituzioni e che in questo momento viene dalle Istituzioni messo a sopportare una prova".