Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 651
PALERMO - 09/01/2011
Sicilia - Palermo: l’annuale rapporto «Passi» dell’istituto superiore della Sanità

Siciliani sedentari, sovrappeso, fumatori e un po’ depressi

I dati sono stati tratti da una indagine avviata dal Centro nazionale di epidemiologia Foto Corrierediragusa.it

Sedentari, sovrappeso, fumatori, un po’ depressi e refrattari alle regole del volante. Emergono così i siciliani nell’annuale rapporto «Passi» dell’istituto superiore della Sanità che ha passato ai raggi X le abitudini ed i modelli di vita degli abitanti di tutte le regioni italiane. L’Italia , ancora una volta, è divisa in due, e stavolta non è a causa del federalismo o della politica. Trentino, Alto Adige e Liguria appaiono come regioni virtuose mentre al sud, Calabria, Sicilia e Campania ci sono abitudini da correggere. L’unico dato che fa restare tranquilli i siciliani è quello relativo al consumo di alcool.

Solo il 10 per cento dei siciliani ne fa abuso. La Sicilia per pigrizia si piazza al terzo posto con il 41,5 per cento della sua popolazione cui piace poltrire piuttosto che andare a correre o varcare la soglia di una palestra. Terzo posto anche per il fumo con il 30,8 che consuma sigarette a tutto spiano. Solo il 5,8 della popolazione siciliana invece è affetta da depressione ma andiamo male in tema di alimentazione perché il 46,8 per cento è in sovrappeso mentre i più magri sono i trentini, appena il 35 per cento della popolazione. Guai anche per i comportamenti al volante. Solo 72 siciliani su cento usa la cintura di sicurezza, va meglio il dato relativo all’utilizzo del casco,l’86,9 per cento.

I dati sono stati tratti da una indagine avviata dal Centro nazionale di epidemiologia dell’Istituto superiore della sanità che tramite le 126 Asl italiane ha somministrato 40 mila questionari a cittadini compresi tra i 18 ed i 69 anni iscritti nelle liste delle analisi sanitari. Tanto quanto basta per dire che si tratta di numeri affidabili e sui quali riflettere.