Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1162
PALERMO - 02/10/2010
Sicilia - Palermo: la prima giunta del Lombardo quater traccia la strada

Lombardo taglia le province per il risanamento

E’ la cura dimagrante imposta dalla Regione per risanare il bilancio
Foto CorrierediRagusa.it

Lombardo (nella foto) taglia tutto. La prima giunta del Lombardo quater traccia la strada per il cambiamento strutturale della macchina regionale. Abolizione delle provincie, un solo istituto delle case popolari, ed una sola area di sviluppo industriale. E’ la cura dimagrante imposta dalla Regione che deve tamponare le voragini del bilancio. Lombardo è stato chiaro sulle provincie "È in via di approvazione il disegno di legge che istituisce i consorzi dei Comuni gestiti dai sindaci che organizzeranno i servizi senza percepire ulteriori indennità . Sarà questo il primo disegno di legge della nuova giunta che presenteremo all´Assemblea regionale".

Altra rivoluzione sull’onda della pubblica opinione è l’abolizione degli enti regionali. «Le loro funzioni possono essere svolte dall’apparato della Regione- dice il presidente. Sono da considerare aboliti salvo che entro 60 giorni non se ne riconosca la necessità». Un solo Iacp dunque ed una sola Asi e tutti a casa a cominciare da presidenti, consiglieri e consigli di amministrazione che costano centinaia di migliaia di euro alle casse regionali. La prima seduta della giunta è servita a mettere una pietra sopra ai termovalorizzatori. L’affidamento deliberato dalla giunta Cuffaro è stato dichiarato nullo ma tra la Regione e le aziende del gruppo Falck che si erano aggiudicate l’appalto c’è un contenzioso da risolvere.

La giunta ha anche approvato il bilancio predisposto dall´assessore all´Economia, Gaetano Armao. "Sarà un bilancio rigoroso che prevede la soppressione di tutti gli enti e le partecipate regionali". "Mi batterò - ha detto Lombardo - per ottenere i 430 milioni trattenuti dallo Stato sul Fondo della Sanità".