Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1004
PALERMO - 17/08/2010
Sicilia - Nessun’altra scossa dopo quella di lunedì pomeriggio

Terremoto alle Eolie, situazione sotto controllo

Secondo il capo della Protezione Civile nelle spiagge dove si sono vericate le frane era vietato l’accesso. Molte le case lesionate: "Un miliardo di euro in finanziaria per far fronte al rischio idrogeologico". Il sindaco di Lipari: "Nessuna preoccupazione"

Il giorno dopo la grande paura, per la scossa 4,5 Richter, alle isole Eolie è il momento delle verifiche e delle analisi. "Mi risulta che in alcune zone dove ci sono state le frane c´erano dei divieti di balneazione che non sono stati rispettati", ha osservato il capo della Protezione civile, Guido Bertalaso, a Lipari per fare il punto dopo il sisma di ieri pomeriggio. 1 "La prima cosa da fare per la sicurezza è rispettare le norme per evitare rischi per turisti e bagnanti. Adesso vedremo come fare applicare nel modo più pertinente questi divieti e gli eventuali altri che dovessero essere disposti", ha aggiunto Bertolaso.

"Tutte le verifiche e le indagini sulla situazione sono già state avviate", ha detto ancora Bertolaso, che ha poi sottolineato: "La tutela del territorio è un problema nazionale: due ragazze sono morte alcuni mesi fa a Ventotene, purtroppo anche lì per un fatto casuale provocato non da un terremoto, ma da una situazione di dissesto idrogeologico che è tipica di molte parti del nostro Paese. Il ministro dell´Ambiente Stefania Prestigiacomo si è attivamente impegnato contro il rischio idrogeologico: c´è un miliardo di euro stanziato nell´ultima finanziaria. Ora è necessario che quelli che debbono utilizzarli sappiano spendere in modo giusto queste somme".

Ma intanto, preso atto che i feriti a causa del terremoto sono tutti lievi, bisogna verificare accuratamente i danni materiali. E´ già stato verificato che nella località di Gelso a Vulcano non ci sono stati distacchi di massi lungo la caratteristica spiaggia. Sale invece il numero delle abitazioni che si presentano lesionate, soprattutto quelle più vecchie.

La situazione sembra tornata tranquilla, e infatti i turisti sono tornati in spiaggia, e i vip nei loro yacht: oltre al presidente del Senato, Renato Schifani, in vacanza con amici su un caicco tra Panarea, Lipari e Vulcano, che da ieri presiede l´unità di crisi al comune di Lipari, vacanze eoliane anche per il ministro dell´Ambiente Stefania Prestigiacomo, che ha una casa a Panarea. Anche lei ieri sera, dopo il terremoto, ha raggiunto l´unità di crisi di Lipari.

Lo stesso sindaco di Lipari, Mariano Bruno, a conclusione del vertice che si e´ tenuto presso il comune per fare il punto della situazione, ha rassicurato gli abitanti e i turisti. "La situazione e´ sotto la massima attenzione, non c´e´ preoccupazione alcuna. I turisti che sono qui alla Eolie possono restare e tutti quelli che devono venire ed hanno gia´ prenotato possono raggiungere l´arcipelago ancora piu´ copiosi".

Tra i villeggianti illustri delle isole gli stilisti Dolce e Gabbana, accompagnati dalla loro amica Naomi Campbell, Kate Moss, che sta trascorrendo una vacanza a Panarea con la madre e la figlia ancora piccola. A Panarea c´è anche l´attore Kim Rossi Stuart. Sul suo yacht alle Eolie anche l´attore Leonardo Di Caprio, con la fidanzata Bar Raphaeli, e ancora la regina Rania di Giordania, che era già stata a luglio a Lipari e ha fatto nuovamente tappa alle Eolie.

Tra Lipari e Vulcano, a bordo delle loro barche, anche il cantante Antonello venditti e l´attore Massimo Boldi. Quest´ultimo, dopo avere saputo del terremoto, ha chiamato la Capitaneria di porto per mettere a disposizione la sua imbarcazione "in caso di necessità". Ancora, a Filicudi soggiornano l´ex ministro Giovanna Melandri, Francesco Rutelli e Giovanni Minoli.

Fonte: repubblica.it