Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1109
MESSINA - 25/05/2016
Sicilia - Succedeva in una scuola elementare

Botte ai piccoli alunni in classe, 3 maestre sospese

«Quello che succede in classe non si deve riferire a casa e quello che succede a scuola deve rimanere a scuola» Foto Corrierediragusa.it

Tre maestre della scuola elementare di un comune nebroideo, il cui nome non è stato reso noto per tutelare i bambini, sono state interdette dall´insegnamento dopo le indagini della polizia che hanno dimostrato i maltrattamenti, con insulti, botte e calci, che subivano gli alunni. La prima, 57 anni, è stata sospesa dall´insegnamento per un anno, le altre due, 47 e 40 anni, per sei mesi. Le misure interdittive sono state emesse dal Gip di Patti, Ugo Molina, su richiesta del sostituto Procuratore Giorgia Orlando. I poliziotti del commissariato di Sant´Agata di Militello hanno raccolto le testimonianze di genitori preoccupati per quanto i figli, per lo più intorno ai sette anni, raccontavano a casa al ritorno da scuola. Secondo quanto riferito dagli alunni le insegnanti li insultavano e li schiaffeggiavano. Un bambino sarebbe stato colpito in modo così forte da procurarsi un bernoccolo in fronte. Un altro ha raccontato di essere stato preso a schiaffi perché aveva detto di voler cambiare maestra. I poliziotti hanno quindi installato delle telecamere con le quali hanno acquisito delle immagini dove si vede la maestra di 57 anni mentre picchiava e insulta gli alunni. L´insegnante inoltre intimava agli alunni che "quello che accadeva in classe non si deve riferire a casa´´. Le altre due insegnanti dalle immagini registrate appaiono spesso, imperturbabili - dicono gli investigatori - partecipando ´´con impassibile ed ingiustificata indifferenza, senza alcuna disapprovazione ai sistematici abusi e alle violenze fisiche e verbali´´. Entrambe, più volte interrogate su quanto accaduto, hanno negato perfino ciò che si vedeva nelle immagini.