Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 742
MESSINA - 28/06/2011
Sicilia - Il deputato regionale all’Ars è ai domiciliari

Concussione e abuso d´ufficio, De Luca in manette

L’indagine riguardante il leader del movimento Sicilia Vera è legata alla sua attività come sindaco di Fiumedinisi. In manette anche il fratello Tindaro, un funzionario del Comune e il presidente della commissione edilizia Foto Corrierediragusa.it

Il deputato regionale Cateno De Luca (foto), leader del movimento Sicilia Vera, è stato arrestato con l´accusa di abuso d´ufficio e concussione. All´esponente politico sono stati concessi gli arresti domiciliari. L´indagine sarebbe legata all´attività amministrativa di De Luca come sindaco di Fiumedinisi, un paese del Messinese.

Nella sua attività all´Ars, De Luca s´è fatto notare per alcune trovate poco ortodosse: come quando, nella scorsa legislatura, per protestare contro l´allora presidente dell´Ars Gianfranco Miccichè in seguito ad alcune vicende regolamentari, si denudò in sala stampa rimanendo in mutande, per poi coprirsi con la bandiera della Sicilia, usata come pareo.

Quest´anno il leader di Sicilia Vera - protagonista di dure battaglie in aula con la presentazione di migliaia di emendamenti in occasione della Finanziaria - ha cambiato sei volte gruppo parlamentare, arrivando a ´sostare´ in quello del Pdl solo per poche ore: giusto il tempo per far saltare gli equilibri in una delicata conferenza dei capigruppo.

"Sono un battitore libero", ripete spesso De Luca, che nel corso della kermesse del suo partito si presentò sotto il simbolo di un enorme piccone e lo slogan: "Demoliamo la Regione
siciliana".

Insieme al deputato De Luca, sono stati arrestati il fratello Tindaro, un funzionario del Comune di Fiumedinisi, Pietro D´Anna e il presidente della commissione edilizia Benedetto Parisi. Diciotto gli indagati, prevalentemente amministratori comunali.

L´ordinanza, emessa dal Gip Daria Orlando, è stata eseguita ieri sera. I reati contestati agli indagati sono tentata concussione e falso in atto pubblico (e non abuso d´ufficio e concussione come detto in precedenza), commessi tra il 2007 e il 2009 all´interno di un programma di opere di riqualificazione urbanistica e incentivazione dell´occupazione. Ma le indagini, coordinate dal procuratore di Messina Guido Lo Forte, dall´aggiunto Vincenzo barbaro e dal pm Liliana Todaro, hanno appurato che la quasi totalità degli interventi ha favorito direttamente o indirettamente De Luca e i suoi familiari.

Nel mirino dei magistrati ci sono la costruzione di un albergo con annesso centro benessere - strutture sequestrate - da parte della società "Dioniso" e la realizzazione di centri di formazione permanente del Caf "Fenapi", oltre all´edificazione di 16 alloggi da parte della coop "Mabel". Opere realizzate nonostante la Regione siciliana aveva contestato, un anno prima, il Piano regolatore di Fiumedinisi, ritenendo che contenesse previsioni sovradimensionate. Ma la contestazione ha comunque portato il Comune a realizzare le opere e a modificare la destinazione urbanistica della zona. La tentata concussione sarebbe stata commessa nei confronti dei proprietari di alcune aree da cedere - a volte a prezzi più bassi rispetto a quelli di mercato - per consentire alla Mabel la costruzione degli alloggi.

I reati di falso riguardano l´approvazione del progetto in variante dei lavori di costruzione eseguiti dalla Dioniso e la realizzazione di muri di contenimento del torrente Fiumedinisi, realizzati per incrementare il valore commerciale di alcune aree ricadenti nel progetto e riconducibili alla ditta il cui amministratore unico è proprio il sindaco, che è anche fondatore e direttore generale della Fenapi. Il fratello, invece, è amministratore della coop Mabel. Le indagini sono partite dopo le denuncie del Wwf e dei consiglieri comunali di opposizione, e condotte dalla sezione di polizia giudiziaria dei vigili urbani di Messina. (Lasiciliaweb)