Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 531
CATANIA - 18/09/2016
Sicilia - La convention "Catania a 5 Stelle, i primi 1000 passi"

M5S da Catania sfida Crocetta: "Puoi andartene a casa"

Luigi Di Maio: "Se vinciamo qui le regionali, nel 2018 Renzi va a casa" Foto Corrierediragusa.it

Il M5S lancia la sfida da piazza Università a Catania dove tiene la convention siciliana, Sono Alessandro Di Battista (foto) e Luigi Di Maio a lanciare il guanto della sfida a Renzi: "Se vinciamo qui le regionali, nel 2018 Renzi va a casa", hanno detto nel corso della manifestazione dal tema "Catania a 5 Stelle i primi 1000 passi".

"I più grandi cambiamenti dell´Italia -ha detto il vicepresidente della Camera parlando con i giornalisti- sono sempre partiti dalla Sicilia. Credo che l´anno prossimo sarà un anno cruciale per il Paese perché se vinceremo le elezioni regionali in Sicilia, potremmo vincere nel 2018 le elezioni politiche e mandare a casa Renzi una volta per tutte".

Di Maio ha parlato anche del "deserto politico" siciliano: "Questa desertificazione politica è causata dal Partito democratico, dalle sue guerre interne e il sindaco di Siracusa ci dice addirittura che il Pd sarebbe infiltrato dalla mafia. Questo deserto politico lo dobbiamo eliminare con una proposta politica che è quella del Movimento 5 stelle".
E Di Battista parla anche del futuro, prevedendo risultati eccezionali: "Noi crediamo che la Sicilia potrà diventare la prima regione amministrata dai Cinque Stelle. Questa è la grande speranza. Siamo cresciuti tanto, abbiamo vinto in tantissimi comuni con percentuali molto importanti. Il movimento sta crescendo".

Lo scenario nell´Isola, secondo il Movimento 5 Stelle, è disastroso: "La Sicilia è una terra abbandonata con un partito democratico in disgregazione - ha detto Di Battista -. Mi ha colpito la dichiarazione del sindaco di Siracusa Antonio Garozzo. Lui, un renziano, parla del Pd che si è messo dentro uomini legati alle cosche e al crimine organizzato. E´ una terra che dovrebbe vivere solo di turismo ed enogastronomia. Ha tutto, evidentemente è succube della partitocrazia più becera che ha distrutto un Paese".