Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:20 - Lettori online 625
CATANIA - 28/07/2016
Sicilia - Sono tutti stati identificati

Porno e feticismo: 7 giovani denunciati

Ingente il materiale pedopornografico trovato dagli investigatori Foto Corrierediragusa.it

Le foto dei piedi dei bambini e quelle in pose erotiche condivise nel darknet, la rete virtuale privata in cui gli utenti si connettono solamente con persone di cui si fidano. Un mondo oscuro dove 7 persone con inclinazioni verso feticismo e pornografia detenevano il materiale pedo pornografico. Per istigazione a pratiche di pedofilia e detenzione di materiale di pornografia minorile sono state denunciate dalla Polizia postale di Catania. Le indagini hanno portato all’identificazione degli indagati grazie alla scrupolosa attività di sotto-copertura che il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni svolge 24 ore su 24, sul darknet. Facevano parte di un gruppo virtuale di pedofili i cui iscritti mostravano una particolare attrazione per foto e video ritraenti i piedi di bambini con meno di 12 anni, condividendo anche immagini di minori in pose erotiche. E nella Rete, che non ha limiti né confini, è possibile trovare siti pedo in tutto simili a quelli che offrono materiale pornografico con protagonisti adulti. Le perquisizioni domiciliari ed informatiche sono state compiute nelle abitazioni degli indagati, quasi tutti studenti 20enni, residenti a Messina, Enna, Alessandria, Bologna, Ancona, Lucca e Massa Carrara.

Quasi tutti ancora conviventi con i genitori, solo alcuni di essi avevano già precedenti in materia di feticismo e pornografia minorile, mentre altri, nel corso delle perquisizioni, hanno inizialmente sostenuto che non pensavano fosse reato provare attrazione per i piedi dei bambini, ma la successiva analisi del contenuto dei loro computer faceva emergere anche l’archiviazione di immagini pedopornografiche. Ingente il materiale pedopornografico trovato dagli investigatori che era archiviato nei vari dispositivi elettronici sequestrati agli indagati. Blogsicilia