Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 945
CATANIA - 02/02/2016
Sicilia - Già nel 2000 l’uomo uccise per gelosia

Donna strangolata in casa: un fermo

Sentito dagli investigatori Vincenzo Di Mauro ha negato il coinvolgimento nel delitto Foto Corrierediragusa.it

Misterbianco è sotto choc per quanto accaduto lunedì sera nel cuore della cittadina dell’hinterland dove è stata trovata senza vita Luana Finocchiaro, 41 anni, madre di tre figli. Ma di ora in ora, con gli sviluppi delle indagini, la vicenda si tinge di particolari che lasciano sgomenti. Per l’omicidio, infatti, è in stato di fermo l’ex convivente di Luana, un uomo più giovane di lei di quattro anni e con il quale la donna ha avuto un figlio. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Vincenzo Di Mauro (questo il nome del fermato nella foto) avrebbe strangolato la vittima mentre il piccolo era in casa e avrebbe poi portato via il bimbo che è stato successivamente affidato ai nonni materni. Sentito dagli investigatori Di Mauro ha negato il coinvolgimento nel delitto, ma l’uomo era già stato condannato a 11 anni di reclusione, per un omicidio passionale. Nel luglio del 2000 ha ucciso un vicino di casa, Francesco Tirendi, 47 anni, perché aveva insidiato la sua fidanzata dell’epoca. Di Mauro, pregiudicato misterbianchese e sorvegliato speciale, era finito ai domiciliari anche per una denuncia presentata da Luana Finocchiaro, ma dopo tre giorni l’ex compagna aveva ritirato la denuncia e Di Mauro era tornato libero. L’inchiesta sul delitto è coordinata dal sostituto Alessia Natale. Blogsicilia