Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1066
CATANIA - 24/11/2015
Sicilia - Talvolta lo stupefacente era trasportato all’interno di alcune ambulanze

Clan Cappello, 37 arresti: droga e pompe funebri

La base logistica per l’organizzazione criminale a San Cristoforo Foto Corrierediragusa.it

Clan Cappello: azzerati i gruppi di San Cristoforo e Monte Po. 37 le ordinanze eseguite dalla Squadra Mobile su delega della Dda di Catania. Gli indagati (appartenenti alle file della frangia dei Carateddi) sono accusati di associazione mafiosa, traffico e detenzione di droga, reati in materia di armi. Il fortino dei Cappello Bonaccorsi è storicamente il quartiere San Cristoforo: l´inchiesta della Mobile "Revenge 5" (dal 2011 al 2013) ha permesso di verificare come il potere si era allargato ad altri quartieri di Catania (in questo caso Monte Po) e anche a Piano Tavola, frazione di Belpasso. Tra le figure criminali di vertice del sodalizio mafioso ci sono Salvatore Bonaccorsi (figlio del capomafia Concetto) e Gaetano Lo Giudice (padre del killer e capomafia al 41 bis Sebastiano). Coinvolti anche Alessandro, Claudio e Marco Strano (fratelli di Mario Strano di Monte Po) e Nicolò Roberto e Massimo Squillaci (fratelli dei Martiddina di Piano Tavola). I fratelli Attilio e Gaetano Bellia, con la collaborazione di Fabio Reale e Francesco Di Mauro che gestivano le piazze di spaccio a Monte Po, controllavano la vendita di droga a San Cristoforo e San Berillo Nuovo. L´inchiesta, costola di due indagini coordinate dai pm Antonella Barrera e Pasquale Pacifico, cristalizza la migrazione dei Martiddina e degli Strano storicamente alleati dei Santapaola Ercolano nelle file dei Cappello Bonaccorsi. Coinvolti nel blitz anche i titolari di una Onlus locale che gestisce un servizio di ambulanze e di una ditta di onoranze funebri. Quest´ultima identificata come la "R.E.T.O.F." , gestita da Antonino Cosentino, sarebbe servita al clan come base logistica: era qui che sarebbero avvenuti gli incontri operativi della cosca a San Cristoforo per decidere come muoversi. Insomma, sarebbe stato questo il luogo deputato ai summit di mafia. Settimanalmente invece veniva consegnato un carico di droga a Francesco Belluardo, titolare di un´altra agenzia funebre di Francofonte.

Le ambulanze, invece, in diverse occasioni sarebbero state utilizzate per trasportare lo stupefacente. La Onlus finita nel mirino della Polizia è la "New Città di Catania" riconducibile a Salvatore Spampinato e Antonino Cosentino. Oltre ai collaboratori di giustizia di area Cappello, sono anche le intercettazioni a determinare l´apparato probatorio che ha fatto scattare gli arresti di oggi. In particolare la Polizia pone attenzione ad alcune lettere di Sebastiano Lo Giudice (capo della frangia dei Carateddi) dal carcere di Spoleto che forniscono precisi input investigativi. Si notano anche delle fibrillazioni tra Gaetano Lo Giudice e i fratelli Bellia: il padre del capomafia pretendeva dai due la restituzione di 200 mila euro che gli erano stati affidati dal figlio al fine di sostenere economicamente la sua famiglia.

Una cimice viene piazzata nell´androne del palazzo dove viveva Fabio Reale, che all´epoca era ai domiciliari, e nonostante la misura riusciva a essere coinvolto nel traffico di droga.

La polizia durante le indagini ha effettuato diversi arresti in flagranza: Andrea Gueli e Ferdinando Mazzullo, a marzo del 2013, sono stati arrestati perchè trovati in possesso di 160 grammi di cocaina. Nello stesso mese è stato arrestato Antonello Ventaloro (non coinvolto in questo blitz) dopo un rocambolesco inseguimento per trasporto di droga, tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale. Era stato fermato dalla polizia dopo che era andato a Monte Po e aveva ricevuto da Giuseppe Agatino Cavallaro (che è finito in manette in un secondo momento) un carico di stupefacenti. In via San Giacomo Ventaloro perse il controllo del mezzo e andò a finire contro un muretto. All´interno dell´auto furono trovate tracce di cocaina. Laura Distefano - Livesicilia

I NOMI DEGLI ARRESTATI
BELLIA Gaetano, (cl.1982), pregiudicato;

BELLIA Attilio, (cl.1978), pregiudicato, già detenuto per altra causa;

BONACCORSI Salvatore, (cl.1987), pregiudicato, già detenuto per altra causa;

BONSIGNORE Maurizio, (cl.1962), pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa;

CAVALLARO Giuseppe Agatino, (cl. 1974), pregiudicato, già detenuto per altra causa;

COSENTINO Antonino, (cl. 1979);

DI MAURO Francesco, (cl. 1983), pregiudicato;

FASSARI Alfio, (cl. 1965), pregiudicato, già detenuto;

GUZZARDI Luciano, (cl.1964), inteso «Lucianu lavati ‘i manu», pregiudicato;

INGRASSIA Tommaso, (cl. 1980), pregiudicato;

ISAIA Carmelo Orazio, (cl.1988), pregiudicato, già detenuto per altra causa;

LO GIUDICE Gaetano, (cl.1959), pregiudicato;

PRIVITERA Dario Santo, (cl. 1980), pregiudicato;

PRIVITERA Domenico, (cl. 1972), inteso «’u Stunnu», pregiudicato, già detenuto per altra causa;

RUSCICA Carmelo, (cl. 1979), pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa;

REALE Fabio, (cl.1967), inteso «Fabrizio», pregiudicato, Sorvegliato Speciale della P.S.;

RINAUDO Salvatore, (cl.1981), pregiudicato;

SANFILIPPO Alfio, (cl. 1966), inteso «Alfiu ‘u carruzzeri», pregiudicato, Sorvegliato Speciale della P.S.;

SICALI Carmelo, (cl. 1966), pregiudicato;

SQUILLACI Massimo, (cl. 1980), inteso «Mattiddina», pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa;

SQUILLACI Nicolò Roberto Natale, (cl. 1970), inteso «Mattiddina», pregiudicato, già detenuto per altra causa;

SOZZI Sebastiano, (cl. 1982), pregiudicato;

STRANO Alessandro, (cl. 1974), pregiudicato, già detenuto;

STRANO Claudio, (cl. 1977), pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa;

STRANO Marco, (cl. 1982), pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa;

TORRISI Gabriele, (cl. 1987), pregiudicato;

BELLUARDO Francesco, (cl.1967), per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

BUZZA Filippo, (cl. 1974), pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

LUMINARIO Gregorio, (cl. 1977), per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

MAZZULLO Ferdinando, (cl.1984), per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

NOE’ Rosario, (cl. 1991), per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

GUELI Andrea, (cl. 1983), pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

RIELA Antonino Santo, (cl.1959), pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

ROMEO Sebastiano, (cl. 1962), inteso «Iano pastina», per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

SPAMPINATO Salvatore, (cl. 1977), per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

SPERANZA Claudio, (cl. 1963), pregiudicato, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari;

VENTURA Massimiliano, (cl. 1971), per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari.