Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1158
CATANIA - 28/10/2015
Sicilia - Fine delle trasmissioni per uno tra i telegiornali più longevi

Antenna Sicilia fine tg, La Rosa piange

Accorato post di Salvo La Rosa su Facebook Foto Corrierediragusa.it

La redazione di Antenna Sicilia è stata licenziata. Giornalisti e tecnici, da martedì 27 ottobre 2015, non sono più dipendenti della storica emittente televisiva nata nel 1979 con Pippo Baudo come padrino d´eccezione. Che piacesse o meno, Antenna Sicilia ha fatto la storia dell´informazione e dell´intrattenimento di quest´Isola. Salvo La Rosa, uno dei volti più noti di Antenna con il suo storico e apprezzato programma di intrattenimento "Insieme" andato in onda ininterrotamente per 18 anni, affida a un lungo post su Facebook le sensazioni provate in occasione dell´ultimo Tg. Un telegiornale in cui non c´era il giornalista conduttore e la sedia era mestamente vuota, con la voce fuori campo che spiegava che tutto era finito Sensazioni di desolazione condivise anche con molti telespettatori solidali con la redazione di Antenna Sicilia, a cui si aggiunge anche la solidarietà della direzione e della redazione di Corriere di Ragusa.

Ecco di seguito il testo dell´accorato post su Facebook di Salvo La Rosa.

"Ho pianto per l´ultimo Tg di Antenna Sicilia. Vi dico solo che ho pianto quando stasera da casa ho visto in onda la sedia vuota dello studio del telegiornale e ho sentito la voce fuori campo di Maria Torrisi che annunciava i licenziamenti: ho pianto come un bambino abbracciando mia moglie Daniela, ho pianto di rabbia e di dolore, come avevo già fatto a metà luglio lasciando Antenna Sicilia, l´Azienda che sicuramente mi ha dato tutto, ma alla quale ho dato tutta la mia Vita con passione, impegno e professionalità e dove avevo pensato di restare fino alla vecchiaia.

Non è giusto: la nostra azienda, il nostro lavoro, i nostri sacrifici, le nostre emozioni, le nostre gioie, le nostre passioni non dovevano finire così. Che tristezza davvero, anche per milioni di Siciliani che hanno amato la "nostra" Antenna Sicilia e sono cresciuti con noi sin dal 1979 e ai quali non finiremo e non finirò mai di dire grazie per l´affetto e la stima dimostrateci in ogni momento. E´ per tutti loro che dobbiamo andare avanti.

Abbraccio tutti i colleghi, anche quelli che sono stati licenziati negli anni precedenti. Un patrimonio umano e professionale straordinario e unico che andava salvato. Le lacrime non bastano.

Salvo La Rosa


SIGE DENUNCIATA PER COMPORTAMENTO ANTISINDACALE
"Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Associazione siciliana della Stampa hanno deciso di denunciare Sige per comportamento antisindacale, chiedendo al contempo un´immediata ispezione delle autorità competenti per verificare l´applicazione dei contratti di lavoro e la correttezza dei versamenti contributivi per i lavoratori e i collaboratori di tutte le aziende che fanno riferimento al gruppo Ciancio". Lo afferma una nota congiunta dell´Associazione siciliana della stampa, e di SLC-Cgil, Fistel-Cisl, aggiungendo che "questo pomeriggio nell´Ufficio provinciale del Lavoro di Catania si dovrebbe consumare l´atto conclusivo della vicenda sindacale che porterà alla cancellazione dei telegiornali di Antenna Sicilia e al licenziamento di 16 dipendenti tra giornalisti, tecnici e amministrativi". "L´azienda, dopo avere usufruito per anni dei finanziamenti statali - continua la nota - ha sinora respinto, senza prenderle in alcune considerazione, le ipotesi prospettate dai sindacati, ponendosi come unico obiettivo quello dei licenziamenti.

Al contempo l´azienda si è però attivata per sostituire i dipendenti a tempo indeterminato che verranno licenziati con lavoratori autonomi o con contratti precari, così come già avvenuto tre anni fa dopo il licenziamento di 25 dipendenti".

"Dopo 36 anni - conclude Assostampa - la famiglia Ciancio ha quindi deciso di scrivere la parola fine sull´attività di informazione della più seguita emittente televisiva privata della Sicilia. Un atteggiamento che, celato dietro le difficoltà economiche, di fatto suona come offesa a chi in questa azienda ha lavorato con professionalità e abnegazione da più di 30 anni, agli oltre 800mila telespettatori che giornalmente si sintonizzano sul canale 10 della storica emittente e a tutta la Regione che ha sempre visto in Antenna Sicilia la televisione di riferimento del territorio regionale".