Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1500
CATANIA - 04/10/2015
Sicilia - Calatabiano sotto shock per l’efferato delitto

Reo confesso omicida pensionata: "Mi doveva soldi"

L’assassino reo confesso è il 36enne Paolo Cartelli Foto Corrierediragusa.it

Ha confessato l´omicida della 75enne Amalia Ruccella (foto), assassinata sabato nella sua abitazione a Calatabiano, nel Catanese. L´uomo, Paolo Cartelli, 36 anni, si era costituito nel pomeriggio di domenica ai carabinieri di Calatabiano: avrebbe ucciso l´anziana a colpi di bottiglia alla testa e al collo al culmine di un litigio. I militari dell´Arma avevano, già poco dopo la scoperta dell´omicidio, incluso Cartelli tra i sospettati a causa di alcuni elementi di prova acquisiti durante il sopralluogo effettuato sulla scena del delitto. La confessione è stata ribadita anche davanti al magistrato di turno. Secondo quanto raccontato da Cartelli, l´omicidio non sarebbe stato volontario e premeditato: avrebbe reagito durante una lite per un credito, di lieve entità, che sostiene vantare nei confronti della donna.

CHI ERA LA VITTIMA
A Calatabiano la cittadinanza ha appreso con sgomento la notizia del brutale omicidio della signorina Amalia, conosciuta e benvoluta da tutti. Una donna minuta, nubile e senza figli, sempre attorniata da amici. Solare ed espansiva, nonostante gli acciacchi dell’età, continuava ad essere autonoma ed indipendente. Solo pochi giorni fa era andata a rinnovare la propria patente di guida. Non perché volesse continuare a portare l’auto ma, diceva, per le emergenze.