Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1356
CATANIA - 15/10/2014
Sicilia - Accolto il ricorso di Udu e Cgil per violazione dell’anonimato durante i test

Medicina Catania, il Tar ammette 219 studenti

Per la Cgil si tratta di "un grande passo verso l’accesso libero all’Università" Foto Corrierediragusa.it

Potranno immatricolarsi a Medicina. Sono 219 studenti che lo scorso 8 aprile avevano sostenuto presso la facoltà dell´Università di Catania il test di ammissione alla Facoltà e che sono stati riammessi con riserva dal Tar che ha dichiarato illegittimo il test. Il ricorso era stato presentato dall´Unione degli universitari e dalla Cgil di Catania.

Il Tar ha riconosciuto che mancava un plico e sono state violate le regole dell´anonimato: sulle schede anagrafiche e in quelle dei quesiti dei candidati, infatti, era stato apposto, oltre al codice a barre, anche il codice alfanumerico di identificazione, rendendo così riconoscibili le aspiranti matricole. I giovani riammessi potranno iscriversi, seppur con riserva, e potranno seguire regolarmente le lezioni e sostenere gli esami.

"Invitiamo - ha dichiarato Giuseppe Campisi, coordinatore dell´Udu a Catania - il rettore e l´università tutta ad accogliere questi ragazzi e le segreterie a non mettere loro i bastoni tra le ruote". Per la Cgil invece si tratta di "un grande passo verso l´accesso libero all´Università. Per noi è una vittoria epocale destinata a cambiare completamente l´attuale sistema universitario, grazie anche al Tar che ha giustamente riconosciuto le irregolarità che si sono verificate".