Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 688
CATANIA - 06/11/2012
Sicilia - I pullman da e per l’aeroporto militare sigillati con vistoso nastro adesivo rosso

Piano da Fontanarossa a Sigonella

Il sistema ha retto ma si sono registrati, tuttavia, alcuni ritardi per l’imbarco ai pullman e per la consegna bagagli. Primo giorno con 7mila 500 passeggeri in transito Foto Corrierediragusa.it

Al via senza troppi problemi il piano « Fontanarossa - Sigonella». Gli aerei sono partiti ed arrivati sulla pista della base militare a causa della chiusura di Fontanarossa. Passeggeri disciplinati, circa 7mila 500 in transito, personale attento e disagi contenuti in questa prima giornata per un piano complesso che sarà rodato nei prossimi giorni dopo qualche sfasatura. Per i primi aerei in arrivo infatti si sono registrati ritardi per la consegna delle valigie o per l’imbarco sui pullman che trasportano i passeggeri a Fontanarossa. Si tratta indubbiamente di una situazione complessa che ha comportato una distribuzione del personale sui due scali e l’impossibilità di trasferire ulteriori strumentazioni a Sigonella perché ancora necessarie alla funzionalità di Fontanarossa.

«Da oggi - spiega il direttore generale Sac, Renato Serrano - tutto l’operativo e il personale sarà spostato su Sigonella, stiamo elaborando tutte le strategie per perfezionare il sistema che, tuttavia, nonostante gli inevitabili disagi oggi ha consentito di far transitare su Catania quasi 7500 passeggeri (arrivi 3652, partenze 3706). Ce la stiamo mettendo tutta e contiamo, entro un paio di giorni, di mettere il sistema a regime».

I tempi di percorrenza del tragitto tra Fontanarossa e Sigonella ,un’ora circa, sono stati comunque rispettati; per ogni aereo sono utilizzati almeno tre pullman visto che le compagnie utilizzano aereomobili da 180 posti. Per garantire la massima sicurezza i pullman vengono sigillati con vistoso nastro adesivo rosso per essere certi che nessuno salga o lasci il pullman durante il tragitto. La sicurezza della base militare è infatti massima e si vuole evitare ad ogni costo qualsiasi intoppo che potrebbe mettere a rischio tutto il piano. Tutte le operazioni di imbarco sono svolte dunque ai banchi di Fontanarossa dove ci si deve presentare con tre ore di anticipo sul volo, 90 minuti per chi utilizza il check – in on line.

Il bagaglio viene trasportato con furgoni a Sigonella a cura delle compagnie. La stessa operazione, con consegna a Fontanarossa, all’arrivo. Sarà così fino al 5 dicembre quando i lavori sulla pista dello scalo catanese saranno completati. Se le condizioni meteo saranno favorevoli e non ci saranno intoppi nei lavori i tecnici non escludono di potere anticipare i tempi di rientro a Fontanarossa.