Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1194
CATANIA - 01/11/2012
Sicilia - Situazione inevitabile che comporterà dei sacrifici per i passeggeri

"Operazione Sigonella" al via da domani

Si volerà infatti dall’aeroporto militare perché la pista di Fontanarossa, usurata da 50 anni di attività, con i suoi 2560 metri di lunghezza, sarà trasformata in un grande cantiere a cielo aperto Foto Corrierediragusa.it

Tutto pronto all’aeroporto di Catania (foto) per il piano alternativo di partenze ed arrivi che parte da domani. Si volerà infatti dall’aeroporto di Sigonella perché la pista di Fontanarossa, usurata da 50 anni di attività, con i suoi 2.560 metri di lunghezza, sarà trasformata in un grande cantiere a cielo aperto dove squadre di operai specializzati lavoreranno notte e giorno, anche di domenica), per ricostruirla dalle fondamenta (scavando fino a 48 cm di profondità) e per accelerare il più possibile la riconsegna del manufatto.

Si tratta di lavori straordinari di riqualificazione dell’Air Side che comprendono anche la realizzazione delle strip laterali di sicurezza. Nei 30 giorni dei lavori e fino al 5 dicembre i voli partiranno e arriveranno dalla pista della vicina base militare di Sigonella grazie a un accordo sottoscritto dall’Aeronautica Militare, dall’Enac e dalla Sac, società di gestione dello scalo di Catania, che sostiene gli ingenti oneri finanziari dell’operazione.

Le compagnie aeree hanno accettato di spostarsi su Sigonella anche se questo comporterà dei sacrifici per i passeggeri, in particolare per l’allungamento dei tempi di imbarco e trasferimento. I passeggeri dovranno comunque presentarsi sempre all’aerostazione visto che non è consentito l’accesso allo scalo militare. Dice Nico Torrisi, amministratore delegato della Sac: «Saranno 30 giorni complessi e intensi.

Disguidi e ritardi saranno presumibilmente inevitabili nonostante l’impegno di tutti. Per questo chiediamo ai passeggeri la massima collaborazione e, soprattutto, tolleranza. Il premio per questi 30 giorni di pazienza sarà un aeroporto perfettamente in regola con gli standard di sicurezza internazionali a disposizione dei siciliani e dei milioni di turisti che arriveranno in Sicilia nei prossimi anni».

Ecco i dettagli tecnici del piano: i primi voli mattutini di lunedì 5 novembre partiranno e arriveranno regolarmente da Catania Fontanarossa per posizionarsi nelle ore a seguire su Sigonella da dove saranno operativi per i successivi 30 giorni. Prima partenza alle 9.55 per Milano Linate (a seguire Roma Fiumicino alle 10.00). Primo arrivo alle 7.55 da Linate.