Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Aprile 2018 - Aggiornato alle 20:51
CATANIA - 18/09/2012
Sicilia - Studente 23enne di Giurisprudenza a Roma finora sconosciuto ai più

Dal "trota" al Toti! Raffaele Lombardo candida il figlio

"Liberi di crederci" manda a dire ai siciliani il giovane rampollo di casa Lombardo
Foto CorrierediRagusa.it

Può essere l’inizio di una saga. In salsa tutta siciliana, anzi lombardiana. Raffaele Lombardo ha deciso di ritirarsi dalla corsa all’Ars ma chi pensava che fosse uscito di scena dovrà ricredersi.

Sui muri delle città e dei paesi della provincia di Catania fa occhiolino dai manifesti (nella foto) Toti, figlio 23enne di Raffaele, universitario, finora sconosciuto ai più, che scende in campo nella liste del Partito dei Siciliani e raccoglie l’eredità politica e, naturalmente, anche i voti del padre. Una successione dinastica, o quasi, nella migliore tradizione aristocratica isolana. E’ la Sicilia dei Gattopardi, dei Vicerè e nulla ha a che fare con la più popolare e ruspante vicenda del trota bossiano. Perché il giovane Lombardo è già pronto a gestire il bacino elettorale del padre, ammesso che questi abbia deciso veramente di uscire di scena.

I siciliani hanno sentito parlare in questi anni di rinnovamento della classe politica e la risposta l’hanno già avuta. Da Lombardo senior a Lombardo junior; forse è il massimo che ci possiamo permettere. Come dice Toti Lombardo sul suo manifesto elettorale «Liberi di crederci».