Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:04 - Lettori online 1523
CATANIA - 10/09/2012
Sicilia - C’è un piano B per l’apertura dello scalo ibleo, insediato il nuovo Cda della Sac

Fontanarossa chiude, aprirà forse aeroporto Comiso?

L’aeroscalo etneo fuori servizio dal 5 novembre al 5 dicembre per lavori indifferibili Foto Corrierediragusa.it

Fontanarossa chiude, aprirà Comiso? Al momento è un’ipotesi ma c’è un piano B che spinge per l’apertura dello scalo ibleo nel periodo in cui l’aeroporto catanese dovrà restare chiuso per lavori urgenti. Questi sono stati già appaltati e dovranno essere realizzati tra il 5 novembre ed il 5 dicembre. Si tratta del rifacimento della pista, i miglioramenti ai piazzali e la realizzazione degli strip laterali per garantire la sicurezza in caso un aereo dovesse andare fuori pista.

Fontanarossa chiuderà dunque e, pur trattandosi di un periodo di bassa stagione, i passeggeri che dovranno utilizzare l’aereo saranno penalizzati, non solo dalle tariffe come accade già con la crisi di Wind Jet con prezzi dei biglietti volati alle stelle, ma anche per raggiungere Palermo e Reggio Calabria che sono gli aeroporti alternativi. Si era parlato in un primo momento di convogliare su Sigonella il 40 per cento dei voli ma le autorità militari hanno escluso questa ipotesi. Un ultimo tentativo di convincere il ministro della Difesa sarà fatto dal ministro della Infrastrutture Corrado Passera ma l’ipotesi Sigonella sembra esclusa ed in ogni caso i disagi, seppur minori, permarrebbero.

Ecco allora affacciarsi due ipotesi: o l’ennesimo rinvio dei lavori sulla pista catanese o un accelerata apertura di Comiso. Il cosiddetto piano B è stato sposato dal Pd con i deputati Bruno Marziano e Pippo Digiacomo in testa. E’ vero che a Comiso non ci sono i controllori di volo abilitati ma si potrebbe spostare da Catania il personale addetto, già specializzato e esperto. Comiso resta dunque un’alternativa seria alla chiusura di Fontanarossa ed l’ipotesi di lavoro è stata affrontata dal nuovo cda della Sac (nella foto) che si è insediato proprio oggi con il neo presidente Giuseppe Giannone. "Siamo al fianco dell´Enac - hanno dichiarato all´unisono il Presidente Giuseppe Giannone e l´Ad Nico Torrisi - impegnata con il Presidente Vito Riggio e con il Ministro delle infrastrutture Corrado Passera, nella ricerca di soluzioni alternative per garantire la mobilita´ dei siciliani, per i quali l´aeroporto Internazionale di Catania rappresenta l´unica reale infrastruttura in grado di rispondere alla domanda di trasporto da e per la Sicilia di circa 3,5 milioni di residenti. In tal senso apprezziamo l´interesse manifestato in questi giorni dal mondo imprenditoriale, politico e dalla società civile per individuare soluzioni alternative alla chiusura di Fontanarossa che non penalizzino la comunità e il sistema produttivo della Sicilia Orientale".

Pippo Digiacomo dal suo canto è convinto che Comiso ha più di una chance: «C’è ancora tempo per intervenire ed aprire Comiso in extremis. Si sapeva della chiusura di Fontanarossa da un anno ma non è stato fatto niente».

La chiusura dello scalo catanese senza una alternativa praticabile getta nello sconforto non solo i singoli passeggeri ma agenzie di viaggio, operatori turistici, uomini di affari che devono tenere i contatti con ben sette delle nove provincie siciliane che gravitano su Catania. Le compagnie dal loro canto non hanno ancora affrontato il problema e continuano a vendere biglietti da per Catania sui loro siti o tramite agenzie. Per i passeggeri sarà l’ennesima beffa quando dal 5 novembre Catania sarà chiuso e saranno dirottati chi a Reggio Calabria chi a Palermo mentre Comiso è lì pronto per l’uso ad appena un’ora di macchina da Catania.


24/09/2012 | 21.37.19
Dario

bisognerebbe solo essere introspettivi!! Allora Magliocco sarebbe gia´ aperto. Purtroppo l´assenza di questo elemento fa ritardare la vita e quindi anche Magliocco. Mi trovo in India e mi piacerebbe atterrare nella posto di Bufalino ma purtroppo non e ´ possible. Allora che facciamo? Sogno un´apertura vicina cosi´ sarei piu´ vicino a voi. Con grande affetto Dario


Rimborso e risarcimento per chiusura aeroporto fontanarossa
13/09/2012 | 15.55.01
VACANZA ROVINATA

Il sito di assistenza legale per i turisti www.vacanzarovinata.it ha pubblicato un interessante articolo relativo alla possibilità di ottenere rimborsi e risarcimenti a questo link:
http://www.vacanzarovinata.it/news/chiusura-aeroporto-fontanarossa-di-catania-rimborso-biglietti


non apre!
11/09/2012 | 17.32.12
paolo

cari signori l´aeroporto non aprira´ mai a causa del m.u.o.s. che stanno montando a niscemi, le loro frequenze saranno cosi forti da compromettere gli strumenti di bordo, ma secondo voi perche non l´hanno montate a sigonella? ( com´era previsto) semplice perche si sono resi conto che con l´aeroporto di catania cosi vicino non potevono montarle!!


Vediamo!
11/09/2012 | 12.35.26
Graziano

Questa sarebbe l´occasione adatta, se non apre adesso non aprirà piu, tanto vale raderlo al suolo e coltivarlo a mais!!!
Io ho la sensazione che qualche politico di turno bloccherà tutto come sempre, e sopratutto, CI SONO ELEZIONI A NOVEMBRE, PERCHE´ IN PROVINCIA DI RAGUSA SE NON CI SONO ELEZIONI NON SI FA NIENTE!!!
Vedremo.