Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 637
CATANIA - 18/06/2012
Sicilia - Il futuro della società che gestisce l’aeroporto

Bufera a Catania per il rinnovo dei vertici della Sac

Il presidente, Gaetano Mancini, e consiglio di amministrazione sono ormai giunti alla scadenza del mandato per cui enti soci e schieramenti politici cercano di trovare un accordo per la ricerca dei sostituti

Vera e propria bufera a Catania per il rinnovo dei vertici della Sac, la società che gestisce l´aeroporto: il presidente, Gaetano Mancini, e consiglio di amministrazione sono ormai giunti alla scadenza del mandato per cui enti soci e schieramenti politici cercano di trovare un accordo per la ricerca dei sostituti.

In tale contesto scende un campo un cartello di associazioni, che comprende il Coua (Coordinamento Operatori e Utenti Aeroportuali), l’associazione nazionale utenti del trasporto aereo, il Codacons e i Consumatori Italiani, per proporre la candidatura alla guida della Sac del segretario nazionale del Codacons, Francesco Tanasi.

Tanasi è pronto ad accettare la sfida e annuncia sin da subito che rinuncerà a tutti i benefit, all´auto blu e che il compenso sarà interamente destinato in beneficenza.

"E´ mia intenzione eliminare le consulenze esterne che costano all´ente ben 1,5 milioni di euro l´anno e saranno invece potenziate le strutture interne dando ampio spazio alle professionalità esistenti e all´ufficio legale interno. Il punto fondamentale - dice Tanasi - sarà il continuo miglioramento della qualità dei servizi aereoportuali a beneficio dei milioni di utenti che transitano per l´aereoporto di Catania".

E aggiunge: "Fuori la politica dalle scelte decisionali della Sac e rotazione dei dirigenti e funzionari per eliminare ogni pericolo di potere esercitato senza tener conto degli interessi degli utenti".

Lasiciliaweb