Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 487
CATANIA - 10/07/2011
Sicilia - Disagi a Fontanarossa nella serata sabato per la cenere depositatasi sulla pista

Dopo la chiusura ha riaperto l´aeroporto di Catania

Oggi i voli sono stati regolari per tutta la giornata Foto Corrierediragusa.it

E’ ripresa regolarmente alle 7 l’attività dell’aeroporto di Catania Fontanarossa che alle 18.12 di ieri pomeriggio aveva dovuto chiudere la pista dove era caduta abbondante cenere dell’Etna in seguito alla ripresa dell’attività del vulcano. L’Unità di Crisi, presieduta dall’ Enac, alla luce delle favorevoli condizioni meteo, ha infatti deciso di riaprire la pista dal primo mattino.
Per tutta la notte sette spazzatrici sono rimaste in funzione per ripulire il manto della pista da residui di cenere e lapilli vulcanici.
Dalle 18 di ieri a Catania erano stati dirottati 15 voli (distribuiti su Palermo, Napoli, Roma Fiumicino, Lamezia Terme e Malta). Gli arrivi cancellati 17, le partenze cancellate alle 24.

La chiusura

Eruzione lampo sull´Etna nel pomeriggio di sabato con fontane di lava emesse dalla bocca aperta da tempo alla base del cratere di sud-est e cenere lavica che, sospinta dal vento, è ricaduta su numerosi paesi e anche su Catania. I fenomeni, durati alcune ore, sono in fase calante e l´energia interna del vulcano, secondo i rilievi dell´Ingv di Catania, stanno rientrando nella norma.

Tuttavia la cenere abbondante caduta sulla pista ha provocato la chiusura dell´aeroporto di Catania alle 18.12. I voli sono dirottati su Palermo.

Secondo le prime osservazioni, dal ´pit-crater´ di sud-est è fuoriuscita una colata lavica alimentata che si dirige nella desertica Valle del Bove. Tutta la fase esplosiva e eruttiva avviene nella zona sommitale dell´Etna e, allo stato, non costituisce un pericolo per centri abitati. L´unico problema è legato alla caduta di cenere lavica nera sulle strade.

"Intorno alle 11 - dicono gli esperti dell´Ingv - si è registrata una attività stromboliana e poco dopo le 14 è nata una colata lavica. Verso le 15.45 si è verificata una fontana di lava sostenuta con forti emissioni di cenere. Adesso la situazione sembra rientrare. Nei comuni di Zafferana, Pedara e Trecatagni c´è una ricaduta di cenere alquanto consistente".