Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1004
CALTANISSETTA - 03/10/2016
Sicilia - Attesa per la decisione del tribunale sulla ammissione delle parti civili al processo

No Muos in corteo davanti alla base di contrada Ulmo

Nessun incidente nel corso della manifestazione, un elicottero ha sorvolato dall’alto Foto Corrierediragusa.it

I No Muos insistono e non si fermano. Sono arrivati da tutta la Sicilia, presenti Catania, Ragusa, Caltanissetta, Enna, Piazza Armerina, Palermo e anche una delegazione campana, per dar vita alla manifestazione nazionale organizzata dal coordinamento regionale dei Comitati No Muos. In contrada Ulmo non ci sono stati incidenti di sorta, solo qualche strappo alla rete di recinzione della base quale atto di protesta. Un elicottero dall’alto e polizia e carabinieri a debita distanza hanno controllato l’andamento del corteo che con bandiere e e cartelli si è diretto verso la base americana.

Ribadira ancora una volta la totale contrarietà alla messa in funzione dell’impianto realizzato nella Base militare statunitense. Nicola Giudice, uno dei legali No Muos, in merito ai procedimenti giudiziari in corso contro il Muos afferma: «Attendiamo il 10 ottobre per discutere delle ammissioni delle parti civili di tutte le associazioni che ne hanno fatto richiesta nel processo penale. La nostra Costituzione in senso più ampio vieta le opere di morte e non si capisce come mai siamo quasi all’assurda legittimazione del Muos dal punto di vista giuridico».