Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1582
CALTANISSETTA - 22/03/2016
Sicilia - Ci sarebbe un allarme concreto nonostante non si conoscano ancora gli esiti del test

"Antenne Muos grave pericolo"

Un eventuale terremoto, facendo vibrare le antenne, indirizzerebbe il fascio elettromagnetico verso tali zone Foto Corrierediragusa.it

C´è un allarme concreto nonostante non siano ancora stati resi ancora noti i risultati dei rilevamenti sulle 46 antenne della base aerea di contrada Ulmo e sulle tre parabole satellitari del Muos. I consulenti nominati dal Cga, tra cui tre di parte, hanno effettuato i test nel corso di tre giorni, da mercoledì a venerdì della scorsa settimana, e comunicheranno ai magistrati quanto oggettivamente rilevato. Cirino Strano, consulente regionale Wwf Sicilia e consigliere scientifico per il Movimento No Muos Sicilia, ha partecipato in qualità di esperto alle misurazioni dei campi elettromagnetici delle parabole del Muos e dalle antenne tradizionali in funzione dal 1991 e ha intanto reso nota la sua valutazione, seppur non in veste ufficiale: «Il Muos e le 46 antenne Nrtf della base Usa di contrada Ulmo costituiscono un grave pericolo per la popolazione locale e per i centri vicini del territorio ragusano, quali Chiaramonte Gulfi, l’aeroporto di Comiso e i Macconi. Abbiamo testato le parabole del Muos una ad una, in funzione, il primo giorno, a 94 Watt, e il secondo giorno a 200 Watt, e non alla massima potenza di mille 600 Watt come ordinato dal Cga. Delle 46 antenne Nrtf, sono state attivate soltanto 18, di cui alcune alla potenza di 3 mila Watt, altre a 4 mila Watt, ma noi non avevamo gli strumenti per accertare tale effettiva potenza».

Per Cirino Strano una delle tre antenne del Muos è rivolta verso Comiso e Chiaramonte e l’altra verso i Macconi con una inclinazione di 12 gradi. Il pericolo sarebbe rappresentato da un eventuale terremoto che facendo vibrare le antenne indirizzerebbe il fascio elettromagnetico proprio in direzione dei due centri abitati e dell’aeroporto.