Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 748
CALTANISSETTA - 10/08/2014
Sicilia - Vi hanno preso parte circa 1.500 attivisti dei vari movimenti pacifisti

Scontri a Niscemi per manifestazione No Muos

Gli attivisti hanno bruciato pubblicamente i fogli di via e i divieti di dimora ricevuti il mese scorso dopo gli scontri che si erano registrati in passate manifestazioni Foto Corrierediragusa.it

Circa 1.500 persone hanno preso parte alla manifestazione tenutasi davanti alla base militare Usa di Niscemi. Il corteo ha sfilato pacificamente ma arrivato nei pressi della rete di recinzione della base alcuni manifestanti
hanno tagliato la recinzione e sono entrati all´interno della base (nella foto) con l´obiettivo di raggiungere i sette che due sere fa sono saliti sulle antenne Nrtf della base. E´ intervenuta la polizia e durante gli scontri c´è stato qualche ferito fra i manifestanti. Il corteo ha preso il via nel primo pomeriggio sotto un sole battente e con il controllo discreto della Polizia che è poi intervenuta per evitare che i manifestanti entrassero all´interno della base.

Gli attivisti del movimento No Muos hanno bruciato pubblicamente i fogli di via e i divieti di dimora ricevuti il mese scorso dopo gli scontri che si erano registrati in passate manifestazioni. Hanno spiegato alcuni esponenti dei vari comitati No Muos: "Il movimento è stato colpito con la notifica di 5 fogli di via a giovani studenti No Muos - spiegano - e come se non bastasse il 29 luglio è stata altresì notificata questa misura cautelare di divieto di dimora e di accesso all´area di Niscemi a ben 29 attivisti No Muos. Questi divieti di dimora e in generale tutti questi provvedimenti repressivi altro non sono che divieti di vivere e difendere la nostra terra esposta a enormi e gravi rischi ai danni dell´ambiente e della salute".