Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 622
CALTANISSETTA - 29/01/2013
Sicilia - Associazioni e comitati in attesa di notizie da Palermo

Muos: lavori senza sosta in attesa della sospensiva

Il provvedimento era stato annunciato dal presidente della Regione, Rosario Crocetta Foto Corrierediragusa.it

I lavori nella base militare di contrada Ulmo a Niscemi continuano senza sosta. Il programma non è stato intaccato dall’annuncio del presidente della Regione della sospensione delle autorizzazioni da parte della Regione al fine di fare chiarezza sulla base americana. I movimenti No Muos attendono da giorni che qualche segnale concreto arrivi da Palermo ed un provvedimento formale di blocco dei lavori sia firmato dal presidente Crocetta. Certamente l’attività nella base non si è fermata come testimoniano le foto scattate da alcuni attivisti presenti in zona.

Tecnicamente il Muos è una «stazione di telecomunicazioni satellitari formata da tre antenne di 18,4 metri di diametro (due funzionanti perennemente ed una di riserva, stando ai dati forniti dalle autorità militari) e due torri radio alte 149 metri che la Marina militare degli Stati Uniti ha intenzione di terminare entro il 2015, con una colata di cemento prevista in 2059 metri quadri. Luogo scelto per il posizionamento la riserva naturale «Sughereta» di Niscemi, dove è già presente – in contrada Ulmo – una base americana.

Nelle intenzioni italo-americane, il Muos costituisce uno dei tanti passaggi dell´uso Nato-statunitense dell´isola, dove al piano «Sigonella 2012» – secondo il quale la stazione aeronavale omonima diventerà la «capitale mondiale degli aerei senza pilota» – si sono aggiunte o si stanno aggiungendo le navi della VI flotta ed i sottomarini a propulsione nucleare nel golfo di Augusta; il «cimitero degli elefanti» di Messina, nel quale verranno demolite le navi da guerra della Nato.