Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1327
CALTANISSETTA - 25/06/2011
Sicilia - Blitz di Squadra mobile e commissariati di Gela e Niscemi in azienda agricola

Serre coltivate a marijuana a Feudo Nobile, fra Gela e Acate

Sequestrate centinaia piante essiccate di marijuana per un peso complessivo di circa 10 chili
Foto CorrierediRagusa.it

Una sorta di "azienda" della droga è stata scoperta in contrada Feudo Nobile, nell´agro di Gela, al confine con il comune di Acate. L’irruzione nella serra adibita a piantagione di marijuana è stata fatta dagli uomini della Squadra Mobile di Caltanissetta e dei Commissariati di Gela e Niscemi.

Una vasta piantagione di marijuana coltivata nell´azienda di proprietà dei fratelli niscemesi Giovanni e Sebastiano Montalto, di 55 e 32 anni. L´azienda comprendeva una casa rurale ed un magazzino precario, nonché circa 14 mila metri quadri di serre per la coltivazione di primizie.

All’interno della vasta estensione terriera, come accennato, vi era anche una serra di 2 mila metri quadri coltivata a marijuana, nascosta tra le primizie, che Sebastiano Montalto aveva indicato agli agenti come una coltivazione di fagiolino su un’area presa in affitto. Agli investigatori, che non erano di certo ciechi, non sono sfuggite le centinaia piante essiccate di marijuana (nella foto) per un peso complessivo di circa 10 chili, nonché vari semi della stessa sostanza stupefacente. Sono dunque scattate le manette per Giovanni e Sebastiano Montalto, accusati di coltivazione e detenzione di droga ai fini dello spaccio.