Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 14:57 - Lettori online 846
AGRIGENTO - 19/08/2017
Sicilia - Risolto in poche ore il giallo della morte di Giacinto Marzullo

Un 52enne ucciso a colpi di pistola

Nell’abitazione del giovane, gli investigatori hanno trovate tracce del pomeriggio di sangue Foto Corrierediragusa.it

Sette colpi di pistola calibro 9 per uccidere un uomo senza storia e senza passato. Sul suo conto solo una denuncia per lesioni. Poi il buio più assoluto. Sembrava un vero giallo la morte di Giacinto Marzullo, un muratore di 52 anni, ucciso sabato pomeriggio, poco dopo le 17, mentre stava sistemando un suo appezzamento di terreno in contrada Mollaca Faia, a Licata. Sette i colpi che lo hanno raggiunto al torace, alle spalle ed alle gambe. L´uomo è stato inseguito fra le serre e finito nei pressi di un magazzino. Le indagini del commissariato di Licata, coordinate dal procuratore Luigi Patronaggio e dal sostituto Carlo Cinque, hanno stretto il cerchio attorno al nipote di Marzullo, un giovane di 18 anni, che è stato fermato con l´accusa di omicidio. Adesso, sulla sua posizione dovrà decidere il giudice delle indagini preliminari, per la convalida del fermo e l´emissione di una misura cautelare. Sembra che alla base del gesto ci siano vecchie liti in famiglia, per questioni economiche. Liti che il giovane ha inteso regolare nel modo più estremo.

Nella notte, i poliziotti guidati dal dirigente Marco Alletto hanno ascoltato i congiunti delle vittima e poco a poco è emerso il quadro dei contrasti, che sarebbero passati anche da debiti non onorati. Un contesto turbolento, che all´alba ha portato alla figura del 18enne. Nella sua abitazione, gli investigatori hanno trovate tracce del pomeriggio di sangue, la prova che ha fatto scattare il fermo disposto dalla procura di Agrigento.

Repubblica Palermo