Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 319
RAGUSA - 27/07/2014
Rubriche - "Psicologia e Benessere" a cura di Sabrina D’Amanti, psicologa e psicoterapeuta

Amore come app: si può disinstallare se non serve?

Per dubbi e consigli scrivete a sabridama@tiscali.it Foto Corrierediragusa.it

Qualche tempo fa mi fu chiesto in un’intervista se sia possibile disinstallare un amore ormai concluso e come affrontare questo doloroso momento.
Si potrebbe supporre che la risposta appropriata alla domanda, se sia o no vantaggioso liberarsi di un brutto ricordo, quale può essere il dispiacere provato per una storia d’amore finita, sia: «Sì, è conveniente rimuovere un evento spiacevole come può esserlo la conclusione di una storia d’amore». In realtà questa non è la soluzione migliore per la nostra psiche. Come è noto, per gli esseri umani il processo di apprendimento passa anche dalle esperienze negative e dagli errori. Quindi, anche quando una storia d’amore si conclude non per scelta nostra, è a noi di aiuto capire cosa è accaduto, cosa non è andato bene nel rapporto, quali responsabilità abbiamo, se ne abbiamo, quali responsabilità ha l’altro. Cancellare un tale ricordo, o anche evitare semplicemente di pensarci non ci consentirà di dare risposta a queste domande e quindi, con alta probabilità, ci porterà a ripetere nella storia successiva gli stessi errori.

Una cosa che mi preme precisare è che non sempre è un male essere stati lasciati, a volte questo accade solo perché l’altro si è reso conto prima di noi che non si poteva stare bene insieme. Riflettere su questa fatto e rendersene conto ci è di aiuto a non scegliere, la volta dopo, persone che avrebbero quelle stesse caratteristiche e con cui, quindi, si starebbe di nuovo male. Rispondo quindi alla seconda parte della domanda: «Come affrontare questo momento doloroso?». Il modo appropriato di affrontare un doloroso momento come questo è intanto circondarsi dell’affetto delle persone care, amici o parenti, a cui esternare il proprio dolore e da cui ricevere, ascolto, conforto e anche consigli, e poi cercare di capire cosa è accaduto anche chiedendo spiegazioni al partner che ha chiuso la relazione e fare tesoro di queste spiegazioni, qualsiasi esse siano, anche nel caso fossero spiegazioni strampalate.

In quest’ultimo caso significherebbe che la persona che le ha date non è una persona per la quale vale la pena affliggersi. L’ultimo mio suggerimento è che, dopo aver rielaborato quanto è successo, come in tutti i casi in cui si cade, occorre rimettersi in piedi, recuperare amore e stima per se stessi, elementi fondamentali per poter amare gli altri, e ripartire con ottimismo verso la rotta dell’amore.

Con questo articolo saluto i lettori del «Corriere di Ragusa» con l´augurio di una buona estate e rinnovo l’appuntamento con i nuovi temi a settembre.

Dott.ssa Sabrina D´Amanti psicologa e psicoterapeuta
cell. 393.4753696 mail sabridama@tiscali.it
Studio di psicoterapia a Vittoria e Ragusa