Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1214
RAGUSA - 10/01/2014
Rubriche - Psicologia e Benessere" a cura di Sabrina D’Amanti, psicologa e psicoterapeuta

Attacchi di panico: tutte le cause e come combatterli

Per dubbi e consigli scrivete a sabridama@tiscali.it Foto Corrierediragusa.it

Un caro saluto e a tutti i lettori del «Corriere di Ragusa», in riapertura alla rubrica da me qui curata parlerò di un disturbo purtroppo assai diffuso, ovvero gli «Attacchi di panico». L’evento scatenante del primo episodio di attacco di panico solitamente segue questi passaggi, la persona si trova di fronte a una situazione problematica rispetto alla quale, senza che se ne renda pienamente conto, pensa di non essere all’altezza e di non avere né le capacità, né i mezzi interiori per affrontarla e superarla, quindi inizia a sentirsi bloccata. Sempre inconsapevolmente ritiene di non avere via di scampo, da qui il panico il cui scopo, anche questo inconsapevole, è trovare, rifugio nella protezione delle persone care. Come precisato, la persona che vive un attacco di panico non ha minimamente consapevolezza delle ragioni che lo hanno causato, non sa di trovarsi dentro a una situazione che inconsciamente ha ritenuto di non essere capace di affrontare, sa solo che improvvisamente è stata assalita da un malessere che l’ha stravolta e di vivere nel terrore che questo si ripeta.
Ma quali sono i sintomi? L’attacco di panico è uno stato di malessere molto intenso i cui sintomi sono: tachicardia, difficoltà respiratorie, sudorazione, nausea, disturbi addominali, senso di soffocamento, vertigini, tremori, brividi di freddo e/o vampate di calore.

La crisi ha un inizio improvviso e può avere una durata di pochi minuti fino a un massimo di 30, la frequenza e la gravità variano ampiamente. Alcuni individui presentano attacchi moderatamente frequenti (per es. una volta alla settimana), che si manifestano regolarmente per mesi. Altri riferiscono brevi serie di attacchi più frequenti (per es. quotidianamente per una settimana) intervallate da settimane o mesi senza attacchi o con attacchi meno frequenti (per es. due ogni mese) per molti anni.
Un attacco di panico non è pericoloso, ma può essere terrificante, soprattutto perché si ha la sensazione di perdere completamente il controllo. I sintomi allarmano la persona portandola a pensare di avere una qualche grave malattia cardiovascolare o «di stare per impazzire». Poiché la persona si spaventa enormemente, spesso, ricorre al pronto soccorso. La crisi inoltre produce l’aspettativa ansiosa del verificarsi di un nuovo attacco, una irritabilità diffusa, una ipersensibilità agli stimoli corporei e una preoccupazione generalizzata per la propria salute.

Gli attacchi di panico condizionano e limitando la vita delle persone che ne soffrono. Arrivano apparentemente senza motivo, ma in realtà non sono mai immotivati, le cause ci sono e sono tutte psicologiche ed è solo lavorando su queste che si può venirne fuori in modo profondo e definitivo. Il lavoro di analisi portata a scoprire le cause da cui essi originano, ma anche a liberarsi da limitazioni interne e quindi a rapportarsi in modo libero e sereno a quegli aspetti della realtà che prima producevano il panico. Le circostanze da cui possono originare le crisi sono infinite e variano da persona a persona. Un mio paziente scoprì, durante la psicoterapia, che le sue crisi si presentavano tutte le volte che voleva esprimere dissenso. Se non era d’accordo su qualcosa, piuttosto che dire di «no» o rifiutarsi di fare ciò che gli si chiedeva, viveva una crisi di panico. Un’altra paziente scoprì che il suo panico era associato alla sua rabbia e al suo rinunciare a esprimerla. La rabbia che soffocava dava origine alle crisi. Ogni storia di attacchi di panico ha sue precise spiegazioni che è possibile trovare solo dentro a un percorso di psicoterapia.

Dott.ssa Sabrina D´Amanti psicologa e psicoterapeuta
cell. 393.4753696 mail sabridama@tiscali.it
Studio di psicoterapia a Vittoria e Ragusa