Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 19 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:22 - Lettori online 767
MODICA - 22/06/2017
Redazionale - Al Maestro Giovanni Cultrera conferito a Firenze il Premio internazionale "Le Muse"

Teatro Garibaldi, stagione musicale da grandi numeri

Nella prima parte dell’anno ben 14 appuntamenti, tra cui 9 spettacoli e 5 repliche Foto Corrierediragusa.it

Si è conclusa con un grande successo e con l’ennesimo sold out la prima parte della stagione musicale 2017 della Fondazione Teatro Garibaldi di Modica. Ultima ad andare in scena l’opera lirica «Aci e Galatea» di Georg Friedrich Händel per la regia di Manuel Giliberti e la presenza di Fabrizio Migliorino maestro concertatore al cembalo. Corsa ai biglietti fin dai primi concerti per questa prima parte della stagione musicale diretta dal maestro Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata. Ben 14 appuntamenti, tra cui 9 spettacoli e 5 repliche, che hanno saputo dare al pubblico modicano e fuori provincia, la possibilità di assistere a spettacoli di elevatissima levatura artistica. La soddisfazione viene anche dai grandi numeri registrati: con oltre 4500 spettatori che hanno particolarmente gradito il corposo programma, testimoni le numerose standing ovation in un teatro stracolmo. Prima volta da direttore artistico al Garibaldi di Modica, il maestro Giovanni Cultrera tira le somme per questa prima parte della stagione musicale dichiarandosi più che soddisfatto per le grandi presenze musicali alternatesi sul palco.

Le tre opere liriche proposte, «Cavalleria Rusticana», «Tosca» ed «Aci e Galatea», vantano grandi interpreti che si sono esibiti nei più prestigiosi teatri internazionali. Il programma della stagione ha spaziato dal musical con Raimondo Todaro in «Il Grande Gershwin», al «Tango Mi Vida - Una Noche De Tango En Buenos Aires» con Claudio Forte e Barbara Carpino ballerini e i Chroma Ensemble, passando poi dal concerto di percussioni con i Percussio Mundi. E ancora grande musica con l´eccelso soprano Daniela Schillaci e il suo «Gala Opera», con Gaetano Costa direttore d´orchestra dal gesto deciso ed elegante. Quindi la prestigiosa Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania per la prima volta a Modica, con i concerti per pianoforte e orchestra di Rachmaninov, e già per la prossima stagione si prevede una più intensa collaborazione con lo stesso Teatro Massimo Bellini di Catania. «Sono felice – spiega il maestro Giovanni Cultrera - per come la città e non solo, abbia accolto e abbracciato l’idea di un teatro che possa essere punto di riferimento per tutti coloro che hanno desiderio di vivere le opere liriche ed i grandi eventi artistici internazionali». «Il progetto è ancora all’inizio – dichiara il sovrintendente Tonino Cannata – stiamo ponendo le basi affinché il Teatro Garibaldi possa essere un polo di riferimento e di attrazione per la musica, nelle sue varie e più alte espressioni. La percezione è di essere sulla buona strada, e ne sono testimonianza le numerose richieste di prenotazioni, fin da subito, per i futuri abbonamenti per la prossima stagione». La seconda parte della stagione musicale della Fondazione Garibaldi di Modica aprirà il sipario il 23 settembre con «La Storia delle colonne sonore», concerto eseguito da un’orchestra di ottoni e percussioni, «Italian Brass Band», formata da 50 elementi.

Intanto il Maestro Giovanni Cultrera ha ricevuto a Firenze nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio il 52mo Premio internazionale «Le Muse». Il premio viene assegnato ai personaggi più illustri e famosi del campo delle Arti, delle Lettere, delle Scienze, del Cinema e della Televisione che contribuiscono con il loro sapere e con le loro opere a dare impulso alla cultura nel mondo intero. Al Maestro Cultrera è stato assegnato, nello specifico, il premio nel segno della Musa Polimnia, una delle 9 muse, figlia di Zeus e Mnemosine, considerata nella mitologia greca come colei che inventò la lira.