Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 761
VITTORIA - 16/05/2010
Politica - Vittoria: il governatore Raffaele Lombardo frena la voglia di dialogo di Ad

Di Martino ad Aiello: «Per il momento niente alleanze»

L’esponente Mpa, presente a Catania alla convention del presidente, portavoce di una precisazione che raffredda le strategie future
Foto CorrierediRagusa.it

Il primo riscontro che voleva Francesco Aiello, capo di Azione democratica, è arrivato. Il Mpa al momento non è disponibile ad aprire una consultazione con il movimento politico vittoriese. In nome e per conto del presidente Raffaele Lombardo, parla l’avvocato Enrico Di Martino (nella foto), presente a «Terrazza Ulisse» a Catania ad ascoltare il governatore che ha parlato a qualche migliaio di persone, fra cui l’establishment del partito, sul tema «Per una nuova Sicilia: le riforme e la finanziaria del governo Lombardo».

A Catania c’erano il commissario regionale Enzo Oliva, i capigruppi del Mpa al Senato Giovanni Pistorio, alla Camera, Carmelo Lo Monte, e all’Ars, Francesco Musotto; gli assessori regionali Lino Leanza e Roberto Di Mauro; e poi senatori e deputati nazionali e regionali, membri dell’Ufficio politico, commissari regionali, provinciali e comunali e coordinatori d’ambito. Per Ragusa era presente anche Mimì Arezzo.

«Ho ricevuto una telefonata poco fa dal presidente- afferma Di Martino al telefono- perché intende fare una precisazione importante al fine di evitare che la cosa venga oltremisura divulgata in maniera non veritiera. In questo momento non appare opportuno avviare contatti come quello proposto da Azione democratica di Vittoria alla luce di quanto sta accadendo alla Regione». Aiello, dunque, per ora può dialogare solo con il Sel e la Fed, il movimento autonomistico non ritiene questo il momento parlare di alleanze strategiche a Vittoria.