Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1064
VITTORIA - 23/11/2007
Politica - Vittoria - A dispetto delle aspettative del sindaco Nicosia

Caruano detta le condizioni
per il nuovo Centrosinistra

Ma il percorso si annuncia tortuoso Foto Corrierediragusa.it

Gianni Caruano detta le condizioni per fare il nuovo centrosinistra a Vittoria. "Si parte dall’Unione di Prodi e dal centrosinistra- anticipa Gianni Caruano, che del nuovo soggetto politico potrebbe essere il primo segretario dopo essere stato l’ultimo dei Ds- Il laboratorio politico è finito, superato, inesistente".

La dichiarazione è destinata a gelare le aspettative del sindaco Giuseppe Nicosia (nella foto) e di quelli che lo sostengono. Anche Caruano fa i suoi conti personali. "Il centrosinistra che immagino io può fare a meno anche di Mpa. Abbiamo 16 consiglieri, siamo maggioranza. Chi? Fra ex Ds, ex Margherita, ex Incontriamoci arriviamo a 12. Sommiamo i 2 di Sinistra europea, Italia dei Valori, Sdi ed eccoci a 16. Il laboratorio è superato dai nuovi partiti, da una nuova situazione politica. Basta con il cambiare casacca continuamente, che è il sintomo del peggiore trasformismo".

Sono queste le condizioni di Caruano: azzerare e discutere, sulla base dei numeri e dei calcoli che sta facendo. Un ragionamento che fila fino a un certo punto. Può la maggioranza risicata che immagina Caruano reggere a lungo con un esponente politico come Francesco Aiello indisponibile a svolgere il ruolo del bravo consigliere? Come potranno avvicinarsi la vecchia ala ds che è stata in guerra con la Margherita?

"Superata la fase del centrosinistra- precisa ancora Caruano- la coalizione può aprire le porte a chi condivide il progetto e il programma del centrosinistra. Nulla di scandaloso se ci sarà anche il Mpa che condivide il programma dell’Unione".

Ma prima di fare il governo della città deve essere formato il parlamento del Pd anche a Vittoria. Entro Natale. A Ragusa è già scontro fra le varie anime, e a Vittoria potrebbe essere Caruano il nuovo segretario? "Non ci sono solo io- dice Caruano- ma anche la società civile". Società civile, ma non esponenti della ex Margherita. "Io penso che se il sindaco è della Margherita il segretario del Pd debba essere altro. E questo vale anche per Comiso, l’alternanza dei ruoli alla base di tutto". Non vuole fare nomi per non bruciare nessuno, Gianni Caruano. Ma su una possibile segreteria Gurrieri, Anna Mezzasalma, Francesca Corbino non avrebbe nulla in contrario.

A margine di questi ragionamenti di Caruano, che rimette i paletti nei confronti del Mpa, spicca il risentimento di Concetta Fiore, irritata verso il deputato regionale Carmelo Incardona. "Siamo visti come il partito a cui chi aderisce ha qualcosa da guadagnare per aumentare il proprio peso politico. L’on. Incardona dichiara che io ho aderito al Movimento per l’Autonomia solo per una «?ricerca di posizione personale e di maggiore visibilità». Pensi a curare un po’ meno la sua visibilità politica e di prodigarsi, da parlamentare siciliano, a lavorare per il suo popolo. Sarò, nel mio piccolo, un punto di riferimento ed un baluardo di difesa per la per la città di Vittoria".

Come si vede, il cammino è tortuoso, anche se l’incontro fra i vertici regionali ha gettato le basi per avviare una nuova stagione politica. Una stagione che non può cominciare prima della fine dell’anno. La prima tappa è il Pd, la seconda la nuova giunta e la stabilità amministrativa.