Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1061
VITTORIA - 06/02/2010
Politica - Vittoria: il capo supremo dell’Mpa fa chiarezza sulla vicenda dei 4 consiglieri

Lombardo chiude la porta ai 4 consiglieri sospesi da Mpa

Il premier Lombardo: «Sono sospesi, se vogliono rientrare devono presentare domanda di riammissione»
Foto CorrierediRagusa.it

«I 4 consiglieri di Vittoria restano sospesi. A Palermo alleanza col Pd solo per realizzare le riforme. Il partito di Vittoria decida liberamente se entrare in giunta o no, io no entro nel merito». Concetti espressi direttamente dal leader Mpa Raffaele Lombardo (nella foto con Riccardo Minardo che lo segue).

Non solo sanità a Vittoria durante la visita del presidente della Regione. Le domande importune il governatore se l’aspetta, anche se l’argomento per cui è giunto a Vittoria è strettamente sanitario. Perché Riccardo Minardo, che l’accompagna con più professionalità di una guardia del corpo dal primo pomeriggio, ovvero dalla prima visita allo Iacp di Ragusa per stigmatizzare le vili azioni di chi spedisce proiettili e cartucce a Giovanni Cultrera e a Vera Greco, gli ha già fatto un corso accelerato di quel che succede a Vittoria con i 4 consiglieri prima autosospesi, poi espulsi, infine rimasti nel limbo.

Ha fretta, si spazientisce, ma due domande deve rispondere. Quando capita d’averlo a Vittoria un presidente della Regione, fondatore dell’Mpa, se non per un’apertura d’ospedale? Presidente, prima domanda. Concetta Fiore, Mario Mascolino, Davide Privitelli e Sebastiano Gatto attendono un avverbio dalle sue labbra: sì o no. Sono dentro o sono fuori?

«Sebbene siamo nati 5 anni fa, molta gente non ha ancora capito molte cose della nostra politica. Le persone che ha citato sono sospese dal partito, se vogliono rientrare facciano domanda per rientrare».

-Vittoria è stato il primo laboratorio politico Pd-Mpa, da tutti vituperato e da molti oggi emulato. Non ritiene che Mpa, con o senza i 4 consiglieri comunali, debba tornare a governare insieme fino al termine della sindacatura Nicosia, così come lei governa a Palermo con il Pd?

«A Vittoria non decido io. Se lo facessi snaturerei il ruolo dell’autonomia che hanno i dirigenti locali. Però le voglio precisare che al governo regionale l’appoggio del Pd è legato alle riforme da realizzare. A Vittoria è tutta un’altra cosa. Se a Vittoria s’è rotto un feeling con l’amministrazione, non è mia competenza ricucire».

I 4 consiglieri comunali all’inaugurazione ci sono tutti. Ma Lombardo l’hanno visto di sfuggita mentre andava via. E’ difficile che facciano domanda d’ammissione per rientrare, conoscendo il carattere di Mario Mascolino soprattutto; com’è difficilissimo che la base del partito, i circoli, gli iscritti, e soprattutto il deputato Riccardo Minardo, siano disposti a scannare il «vitello più grasso» per un loro eventuale rientro.