Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 813
VITTORIA - 16/11/2007
Politica - Vittoria - La componente che ha ignorato l’incontro è corposa

Riunione politica disertata:
"Non ci sono le condizioni"

I democratici con Veltroni, candidati nelle liste regionale e nazionale per il Pd, e i consiglieri comunali Foto Corrierediragusa.it

I democratici con Veltroni, candidati nelle liste regionale e nazionale per il Pd e i consiglieri comunali di Vittoria, hanno disertato la riunione politica indetta dal sindaco Giuseppe Nicosia a palazzo Iacono. La decisione è arrivata dopo una lunga riunione tenutasi nella sede dei Ds in via Bixio.

"Non ci sono le condizioni per partecipare a questo incontro- si scrive in un comunicato - per motivi di merito e di metodo". La componente che ha disertato l’incontro è corposa. Gli eletti nella lista con Veltroni, Gianni Caruano, Francesca Corbino (nella foto) e Anna Mezzasalma e i consiglieri comunali che da tempo si sono dichiarati opposizione: Francesco Aiello, Giuseppe Fiorellini, Gaetano Carbonaro e Piero Gurrieri.

Il sindaco Giuseppe Nicosia, aveva invitato i segretari dei Democratici di Sinistra e della Margherita, gli eletti del Partito Democratico nelle assemblee nazionale e regionale, e i consiglieri comunali Ds, Margherita, Area 22 e L’Altra Vittoria a partecipare all’incontro politico-programmatico allo scopo di rilanciare l’attività amministrativa, avvalendosi delle nuove energie del nascente Pd.

"La nascita del Partito Democratico impone un confronto sereno tra le sue componenti ? aveva motivato Nicosia- Auspico che da questo incontro possano scaturire suggerimenti, idee e proposte che diano nuovo slancio all’azione amministrativa". La prima è arrivata tramite stampa, e non è quella che s’aspettava. "No, per motivi di merito e di metodo".