Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 809
VITTORIA - 03/11/2007
Politica - Vittoria - Ipotesi paventata da Concetta Fiore di Mpa

Consiglio comunale
a rischio commissariamento?

"Stavolta rischiamo tutti grosso" Foto Corrierediragusa.it

Si rischia un nuovo commissariamento al Consiglio comunale di Vittoria. Ma Concetta Fiore (nella foto), Mpa, è ancora più pessimista. "Se martedì non approviamo gli equilibri di bilancio rischiamo di andare tutti a casa". Concetta Fiore, capogruppo del Mpa e presidente della Commissione consiliare Programmazione e Bilancio prevede scenari apocalittici. C’è malessere nella maggioranza e le dichiarazioni a largo raggio di Concetta Fiore non prevedono bel tempo in vista dell’allargamento della giunta.

L’ex presidente del coordinamento agricoltura donne quand’era ancora diessina convinta, ne ha per tutti. Anche per l’assessore Paolo Monello, che minaccia di tagliare l’erogazione dell’acqua agli utenti morosi. "E’ illegale- sbotta Fiore- se Monello non fa marcia indietro sono pronta a fare lo sciopero della fame nell’aula consiliare. Prima di terrorizzare la gente con queste dichiarazioni si attenda l’esito del condono in corso e si cambino i contatori nelle case. Non si possono inviare lettere terroristiche di questo tipo mentre è in corso una crisi economica senza precedenti, un condono in fase avanzata e un altro pronto per sanare le contravvenzioni. Neanche l’Enel taglia l’energia elettrica a chi non paga le bollette, tutt’al più diminuisce la potenza dell’erogazione".

Sul condono, dunque, è guerra in famiglia fra l’esponente del Mpa, che si ritiene esperta di problematiche di contabilità, e l’attuale assessore ai Tributi Paolo Monello. Ma non è questo che rende tesa l’atmosfera politica a Vittoria. Il mese di novembre sarà cruciale per diversi motivi. Primo appuntamento, il consiglio comunale di martedì in seconda convocazione. Concetta Fiore è in fibrillazione per fare approvare gli equilibri di bilancio. C’è il rischio di un altro flop, dopo lo smacco della bocciatura del bilancio consuntivo di qualche settimana fa, perché qualcuno dei consiglieri avrebbe già dichiarato anticipatamente di essere pronto all’imboscata .

Per inciso va detto che il 6 novembre s’insedierà il commissario ad acta nella persona del funzionario regionale Giuseppe Terranova, nominato dall’assessore agli Enti locali. Se non dovessero passare gli equilibri di bilancio, gli esperti dicono che viene sarà nominato un altro commissario ad acta, che verificherà se esiste il parere favorevole dei revisori dei conti, esaminerà la regolarità degli atti e delibererà l’approvazione. Nel caso, invece, dovessero accertarsi gravi colpe, inadempienze e responsabilità, lo stesso commissario potrebbe chiedere lo scioglimento del consiglio comunale. Da qui le preoccupazioni di Concetta Fiore.

"Stavolta rischiamo tutti grosso- dice il capogruppo Mpa ?senza l’approvazione degli equilibri di bilancio è come se non avessimo approvato bilancio il preventivo". Il 6 novembre è troppo carico di impegni, difficili da esitare tutti. La verifica per l’allargamento della coalizione, per esempio. Martedì ci sarà il consiglio comunale, l’insediamento del commissario ad acta e l’incontro alla sala Mandarà. Il sindaco potrebbe decidere di rinviare proprio questo appuntamento. In ogni caso è sempre opinione più diffusa che il tanto atteso allargamento a sinistra non ci sarà.