Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1243
VITTORIA - 21/01/2009
Politica - Vittoria - Sempre più instabile la poliitica vittoriese

Pro Scoglitti si sente snobbato e abbandona la maggioranza

Il segretario Ferrara, dato come possibile amministratore, conferma: «Non è una questione di posti ma di visibilità"
Foto CorrierediRagusa.it

Il Pro Scoglitti è fuori dalla maggioranza. La notizia sarà ufficializzata da Pasquale Ferrara (nella foto), nel corso di una conferenza stampa che si terrà molto presto. I 3 consiglieri comunali del Pro Scoglitti, Davide Privitelli, Claudio Muscia e Sebastiano Gatto hanno abbandonato la «cabina di regia» lunedì sera proprio mentre era in corso una riunione per fare il punto periodico dell’attività amministrativa. Per il sindaco è stata una sorpresa tutt’altro che gradita, dopo che aveva riservato a Emanuele Gulino, espressione del Pro Scoglitti, un posto del Cda dell’Amiu.

In questo momento, se il Pro Scoglitti dovesse confermare questa decisione definitivamente (il «se» è obbligatorio considerato che in precedenti occasioni ci ha ripensato) la giunta Nicosia non avrebbe più la maggioranza consiliare. Era abbastanza risicata e poteva contare sulle defezioni di alcuni consiglieri di minoranza, figurarsi ora che può contare solo su circa 12 i voti certi in suo favore.

Perché è successo questo? Per una rivendicazione di poltrone? Pasquale Ferrara, segretario del movimento scoglittese che fino a qualche giorno fa veniva dato persino come possibile rappresentante della futura giunta Nicosia, smentisce queste voci. «Concordo con la scelta dei consiglieri. Non stiamo rivendicando assessorati o presidenze, vogliamo solo essere tenuti in considerazione, coinvolti nelle decisioni che il sindaco prende. Di Malignaggi nominato assessore l’abbiamo appreso dai giornali. E’ troppo. Inoltre, vorremmo che l’azione amministrativa desse una svolta decisiva in vista delle prossime elezioni. Strade, porto, autoporto, tutto sembra essere compromesso».