Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1015
VITTORIA - 16/01/2009
Politica - Vittoria - Sebbene gli sforzi del commissario Barrano, l’Udc sfuma

Zelante: «Partito inefficace e incoerente, me ne vado»

Con una lettera al segretario generale Cesa, il consigliere si dichiara indipendente. E l’Mpa inizia il corteggiamento
Foto CorrierediRagusa.it

L’Udc di Vittoria è senza riferimento consiliare. Dopo Davide Privitelli, approdato nel Pro Scoglitti, anche Roberto Zelante, (nella foto), s’è dichiarato indipendente con una lettera inviata direttamente al segretario generale Lorenzo Cesa.

Il divorzio può sembrare improvviso ma era già nell’aria. Zelante se ne va sbattendo la porta, nonostante il neo commissario Salvo Barrano (mai riconosciuto da Zelante) abbia più volte tentato di reinserirlo pienamente nell’attività politica del partito. «Non me ne vado perché è stato nominato Angelo Fraschilla direttore dell’Emaia- tiene a specificare Zelante- ma perché ormai la misura è colma».

Una lettera d’addio scritta a 4 mani, da Roberto Zelante e la figlia Eleonora, consigliere di quartiere dell’Udc. «Considerato che le scelte politiche dell’UDC degli ultimi anni, a tutti i livelli, dal comunale al nazionale, hanno prodotto un’azione politica inefficace, incoerente rispetto ai valori statutari, disattenta alle esigenze della base degli elettori, il tutto in una totale assenza di dialogo tra i dirigenti e gli iscritti ed eletti dell’Udc».

Ma ci sono anche tanti altri motivi: «Considerato che nel partito ragusano si sono violate le più elementari regole della democrazia di partito, indicando arbitrariamente segretari e commissari di partito». E visto che nessuno dei dirigenti- sostiene Zelante- ha dato riscontro ai suoi appelli, ecco la decisione di mollare il partito per dichiararsi indipendente.

Per quanto tempo starà solo Zelante? «In questo momento non vedo partiti o movimenti che facciano al mio caso, caos dappertutto -risponde il consigliere- meglio stare soli e godersi un po’ di libertà». Per quanto tempo? Il commissario dell’Mpa Riccardo Minardo ci prova di già. «Zelante? È una brava persona…»- afferma sfoggiando un sorriso sornione mentre attende la visita del presidente dell’Antimafia Lillo Speziale a palazzo Iacono, dov’è presente anche il consigliere Zelante.