Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 695
VITTORIA - 05/01/2009
Politica - Vittoria – Salgono a 15 le liste di partiti e movimenti in Consiglio

Il "Progetto-Vittoria" D’Amato è l´ultima forza in Consiglio

Fra le 50 adesioni: Giovanni Ciancio, Giuseppe Mascolino, Tonino Licitra, Enrico Lancia, Walter Careri e Giammario Incatasciato
Foto CorrierediRagusa.it

Nel Consiglio comunale di Vittoria entra un’altra lista civica, Progetto Vittoria-Lista D’Amato. Segue di poco Azione democratica di Francesco Aiello, che ha lasciato il Pd per continuare da solo la sua opposizione a Giuseppe Nicosia.

Progetto Vittoria conta già 50 iscritti, ha in Luigi D’Amato il presidente e in Giuseppe Mascolino il segretario. Si propone come forza politica nuova per «dare risposte a quanti, mai impegnati in politica o con esperienze negative alle spalle, da tempo sentono l’urgenza di impegnarsi personalmente nel sociale, con gli amici giusti, senza etichette partitiche tradizionali e con punti di riferimento locali e una struttura gestita e organizzata da cittadini vittoriesi».

Portavoce del movimento, Enrico Lancia, che insieme a Giovanni Ciancio, Giuseppe Mascolino, Tonino Licitra, Livio Mandarà, Walter Careri, Elio Nicastro e Giammario Incatasciato, ha lasciato il Movimento per l’autonomia piuttosto polemicamente dopo lo strappo di Luigi D’Anato.

Il neonato movimento dà così la risposta a chi aveva chiesto le dimissioni dagli incarichi di sottogoverno di alcuni esponenti dell’Mpa. Giovanni Ciancio e gli altri non hanno intenzione di dimettersi, anzi, si staccano dall’Mpa e aderiscono a un movimento che dichiara di essere organico alla maggioranza del sindaco Nicosia, anche se con spirito critico e costruttivo.

Con la lista D’Amato salgono a 15 le sigle politiche presenti in Consiglio, specialmente dopo tutte le scissioni che ci sono state nel Pd, nell’Mpa, nell’Idv, nell’Udc e in An. E non è escluso che da qui alla fine dei 5 anni altre novità accadono nella maggioranza amministrativa e consiliare.

(Nella foto in alto da sx Incatasciato, Nicosia, D´Amato e Lancia)