Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1192
VITTORIA - 17/12/2008
Politica - Vittoria – Finito dopo due anni e mezzo il «laboratorio politico»

Mpa via dalla maggioranza. Idv avrà subito l’assessorato

Giuseppe Malignaggi pronto al rientro. Alla prima verifica spazio in giunta a Pro Scoglitti o Gap
Foto CorrierediRagusa.it

Il laboratorio politico costruito nel giugno del 2006, che portò l’Mpa e la coalizione di centrosininistra a vincere le elezioni sul candidato del centrodestra Saverio La Grua è finito. L’Mpa è fuori dalla giunta Nicosia, lo ha dichiarato il sindaco dopo il consiglio di martedì sera e più tardi il Pd per bocca del suo segretario Giovanni Formica.

Ma venerdì sera lo dirà ufficialmente anche Riccardo Minardo, commissario del partito a Vittoria. Mario Mascolino e Concetta Fiore non appoggeranno più la maggioranza. Esattamente come hanno fatto per l’approvazione dello Statuto di mercato che dovrà gettare le basi per costruire la società srl.

«Hanno tradito l’accordo elettorale del 2006- ha detto il sindaco- se avessero avuto un assessore in giunta gli avrei dovuto ritirare la delega immediatamente». Quanto accaduto nella turbolenta seduta consiliare, ha ricompattato la maggioranza anche senza l’Mpa e Francesco Aiello (nella foto), ormai un battitore solitario in consiglio. Entro dicembre, se non presenterà la tessera sarà fuori automaticamente dal Pd. Ma i dirigenti locali sono tornati a fare pressione sul comitato formato da Zago, Di Stallo, Gurrieri e Frisina perché prendano provvedimenti drastici alla luce del comportamento di Aiello in consiglio.

Su 30 consiglieri, 17 hanno votato sì e 3 contrari, Terranova, Dieli e Moscato. Tutti gli altri consiglieri della minoranza, di fronte a un atto di vitale importanza come lo Statuto del mercato, o sono stati assenti o hanno disertato l’aula, evitando di esprimersi, dopo avere fatto le solite dichiarazioni di circostanza.

Dopo 10 ore di dibattito squallido e stucchevole, di liti, di microfoni e bottiglie d’acqua per aria, alle 5,30 lo Statuto è stato approvato dopo che Aiello ha abbandonato l’aula quando ha capito che non poteva più mettere in difficoltà l’amministrazione comunale.

Nei prossimi giorni il sindaco Nicosia procederà al primo rimpasto di giunta. I posti lasciati liberi dall’Mpa andranno subito a Idv (Giuseppe Malignaggi rientrerà nell’amministrazione?) e verso febbraio, alla prima verifica della coalizione, al Gap o al Pro Scoglitti.