Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 28 Maggio 2017 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 569
VITTORIA - 24/12/2016
Politica - Polemiche in consiglio comunale

Di Falco del Pd contro tutti a Vittoria

Non sono mancate le controrepliche al vetriolo Foto Corrierediragusa.it

A Vittoria l’anno si appresta a chiudersi con il botta e risposta tra maggioranza e opposizione. Oggetto del contendere è stata l’approvazione dei primi articoli del Regolamento del sistema integrato dei controlli interni. Ed in particolare un emendamento presentato dal Pd che prevedeva che nella commissione di controllo dell’operato dell’amministrazione, vi fossero due consiglieri, uno di maggioranza ed uno di minoranza. Emendamento di fatto contestato e bocciato sia dal sindaco Giovanni Moscato che dal segretario generale del consiglio. Una nomina del genere andrebbe infatti, secondo il primo cittadino, contro la legge e sarebbe poco opportuna visto che mescolerebbe ruolo politico a ruolo amministrativo, che dovrebbero essere due funzioni distinte e separate. Il consigliere comunale Salvatore Di Falco (foto) ha di fatto, con una nota ufficiale, puntato il dito contro i consiglieri di maggioranza, rei secondo il rappresentante del Pd, "Di accettare passivamente tutte le decisioni del loro leader". E la nota diffusa da Di Falco ha in queste ore scatenato un botta e risposta a catena.

«Dispiace che un Consigliere navigato che ha svolto anche il ruolo di Presidente strumentalizzi così un regolamento", dichiara Salvatore Sallemi di «Se la ami la cambi». Ma il Pd controbatte: «Il dato delle interrogazioni, delle mozioni, degli ordini del giorno – scrive Bianca Mascolino - presentato autonomamente dai singoli Consiglieri di maggioranza è pari a zero. Così come è pari a zero la partecipazione, di diversi tra loro, ai dibattiti del consiglio. Ci si limita ad attendere la parola del Sindaco e a conformarvisi pedissequamente». Polemiche e battibecchi che suonano sterili ai cittadini che vorrebbero un consiglio comunale più concentrato sui problemi del comune ipparino e dei vittoriesi.