Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 935
VITTORIA - 21/09/2008
Politica - Vittoria – Precisazioni di Giuseppe Digiacomo sul ricorso pendente

Il ricorso di Gurrieri tiene alta la tensione nel Pd

Digiacomo: «Gurrieri fa il mago Silvan e mostra doti premonitorie, io aspetto con fiducia la sentenza del Tribunale Foto Corrierediragusa.it

Non si fa attendere molto la risposta del deputato regionale Giuseppe Digiacomo (nella foto), in merito al rinvio del giudizio sul ricorso presentato al Tribunale civile di Palermo dall’avvocato Piero Gurrieri. «Ho letto con profonda ammirazione la notizia- dice Digiacomo- constatando che l’avvocato Gurrieri, novello mago Silvan, riesce a predire il futuro sulla base di sintomi e premonizioni, che evidentemente appartengono a sue particolari doti extrasensoriali».

Per Digiacomo il Tribunale ha rinviato l’udienza, non ha detto che il ricorso era fondato. «Un semplice atto processuale di rinvio- spiega il deputato- privo di qualunque altro elemento o indicazione, derivato solamente dalla circostanza che l’avvocato Gurrieri, forse nel tentativo di porre riparo a qualche manchevolezza del suo ricorso, ha prodotto tardivamente memorie e documenti che i miei difensori non conoscevano, ispirando addirittura la proposizione nei confronti della mia elezione di un secondo e tardivo ricorso, per il quale non è stata ancora fissata l’udienza. Io non ho facoltà premonitorie, ma fiducia nella giustizia».

Si legge, nella risposta di Digiacomo, uno stato di profondo disagio per una situazione imbarazzante che nessuno s’immaginava in questi termini. Non sappiamo come finirà l’esito del ricorso di Gurrieri, al quale se n’è aggiunto un altro, quello di Giovanni Raniolo, sotto forma di azione popolare, che di fatto allunga i tempi della decisione del Tribubale di Palermo; sappiamo però che la vicenda lascerà un segno indelebile nei rapporti dei dirigenti del Pd in vista del congresso provinciale che dovrebbe essere celebrato nei prossimi mesi.

Lunedì sera il segretario provinciale e i dirigenti del partito vittoriese che fanno capo a Piero Gurrieri si vedranno per una riunione che ha all’ordine il «caso Vittoria», che nasconde semplicemente il «caso Francesco Aiello», che mira a mettere alla porta del Pd l’ex sindaco della città. Il segretario Giovanni Formica si recherà alla riunione con il carteggio di comunicati stampa divulgati da Aiello e da Azione democratica dal 2006 a oggi, quale prova inconfutabile dei sistematici attacchi contro il partito e l’amministrazione comunale.