Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1160
VITTORIA - 27/06/2016
Politica - Dura presa di posizione del segretario Cannizzo

La scelta del "transfugo" Nicastro indigna parte del Pd

Anche i giovani del Pd dicono la loro Foto Corrierediragusa.it

Il passaggio repentino al Pd di Giuseppe Nicastro (foto), neo eletto consigliere comunale in seno alla lista Spiga a sostegno del candidato Sindaco Francesco Aiello con 475 voti, non va affatto giù a buona parte dello stesso Pd, con buona pace dell´on Nello Dipasquale che ha con forza voluto l´ingresso di Nicastro (non nuovo a cambi di casacca politica) nel gruppo consiliare del Pd. Molto duro il comunicato del segretario cittadino Francesco Cannizzo che tuona: "Basta con i transfughi che cambiano treno, non solo in corsa, ma ancora prima che parta. Ma è possibile tradire in questo modo la fiducia degli elettori? Bisogna mettere un freno a campagne acquisti indecenti, che alimentano negli elettori di centrosinistra l’idea, in questo caso più che giustificata, che la politica sia solo opportunismo personale. È intollerabile - prosegue Cannizzo nella sua nota - la scelta di chi, eletto in una lista in forte contrapposizione con l’Amministrazione comunale uscente, al gruppo dirigente del Pd di Vittoria e, soprattutto, al candidato sindaco Lisa Pisani, cerchi di riciclarsi indossando una maglia diversa. Proprio la maglia del Pd. Si vìola ogni minimo criterio di etica della responsabilità pubblica. Ed è tanto più grave, visto che si disattende in pieno il mandato degli elettori.
Questa pratica barbara di trasformismo politico, che oggi colpisce soprattutto il Pd - conclude Cannizzo - va fermata".

Non meno teneri i giovani del Pd che, in una lunga nota, palesano la propria presa di posizione: "É innanzitutto possibile che un consigliere comunale, che dovrebbe farsi portavoce delle istanze della cittadinanza, lasci ad uno sponsor di alto rango il compito di rendere note le proprie decisioni e iniziative politiche? E ancora. Pur apprezzando questa improvvisa folgorazione sulla via di Damasco, è possibile che il percorso verso il Partito Democratico, figlio dell´apprezzamento al premier Renzi avvenga solo ora, ad elezioni concluse? Il Partito Democratico resta un contenitore plurale, portavoce delle istanze dei cittadini e dei valori del centrosinistra. É, anche - aggiungo i giovani del Pd - l´unico partito strutturato e federato. Ci chiediamo, allora, se gli organi competenti siano stati resi partecipi di questa intenzione di Nicastro. Noi, umilmente, facciamo presente che alla luce dello Statuto del partito risulta, secondo l´art. 2 comma 9, «Sono escluse dalla registrazione nell’Anagrafe degli iscritti e nell’Albo degli elettori del Pd le persone appartenenti ad altri movimenti politici o iscritte ad altri partiti politici [...]

Gli iscritti che, al termine delle procedure per la selezione delle candidature, si sono candidati in liste alternative al Pd, o comunque non autorizzate dal Pd, sono esclusi e non più registrabili, per l’anno in corso e per quello successivo, nell’Anagrafe degli iscritti». Resta il dubbio sull´opportunità politica di una scelta di questo tipo, compiuta da un personaggio distintosi in questi anni solo per un´opposizione sterile e pretestuosa, il cui livore politico verso il gruppo dirigente del partito, nonché verso l´amministrazione comunale - si legge testualmente nella nota - lo ha portato a tenere alto un clima diffuso di scontro, anche nella campagna elettorale appena conclusasi. Noi giovani democratici di Vittoria, consci degli errori del passato, ma sempre fermi nei nostri valori di Sinistra - conclude la nota - continueremo a fare politica".