Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 615
VITTORIA - 07/06/2016
Politica - Al vincitore andrà il premio di maggioranza previsto dalla legge elettorale

Per la composizione del nuovo consiglio comunale si attende il ballottaggio

Unico dato certo al momento è che solo sette liste su 19 presentate hanno superato la fatidica quota del 5 per cento utile per ottenere uno dei 24 posti in consiglio Foto Corrierediragusa.it

Bisognerà attendere il risultato del ballottaggio per capire l’esatta composizione del nuovo consiglio comunale. Al vincitore tra Giovanni Moscato e Francesco Aiello andrà infatti il premio di maggioranza previsto dalla legge elettorale per assicurare la governabilità. Unico dato certo al momento è che solo sette liste su 19 presentate hanno superato la fatidica quota del 5 per cento utile per ottenere uno dei 24 posti in consiglio. La lista più votata per una manciata di preferenze è quella del M5S, 4.033, che, ad onta del risultato per la sindacatura da parte del candidato grillino, supera la lista Sac (Selaamilacambi) di Giovanni Moscato attestatasi a 3.999. Anche Riavvia Vittoria a sostegno di Moscato con 3.101 preferenze fa bene. Sviluppo Ibleo, sempre a supporto di Moscato, porta a casa il successo di Andrea La Rosa, indicato quale vicesindaco, mentre Andrea Nicosia è tra i più votati in assoluto. Francesco Aiello deve accontentarsi del successo della lista La Spiga che con il 10 per cento abbondante supera la soglia di sbarramento ma Il Quadrifoglio, Socialisti e Sicilia Futura fanno flop. Appena 2.350 voti per la lista Pd con l’8 per cento, con Andrea Di Falco e Elio Cugnata i più votati, Nuove Idee va oltre il 6 per cento e piazza Fabio Nicosia in consiglio ma la lista legata a Lisa Pisani, Lp 16, rimedia una magra figura con appena 431 voti. Tutti gli altri sono stati cancellati dal voto attestandosi, tra l’1 e il 4 per cento. Troppo poco per la soglia di sbarramento.